Terremoto: D'Alfonso sollecita Obama per aiuti promessi

(AGI) - L'Aquila, 25 feb. - In una lettera inviata alpresidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama, ilpresidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso sollecitagli aiuti promessi in occasione del post sisma che colpi'L'Aquila e il circondario. Il terremoto provoco' 309 vittime equasi duemila feriti. "Come certo ricordera' - cosi' l'incipit della missiva - all'indomani del sisma del 6 aprile del 2009 che colpi'L'Aquila e piu' di 50 comuni del cratere, durante il G8 che sitenne proprio all'Aquila a luglio, al capoluogo abruzzeseancora ferito, furono fatte, dai diversi Paesi partecipanti,delle promesse di

(AGI) - L'Aquila, 25 feb. - In una lettera inviata alpresidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama, ilpresidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso sollecitagli aiuti promessi in occasione del post sisma che colpi'L'Aquila e il circondario. Il terremoto provoco' 309 vittime equasi duemila feriti. "Come certo ricordera' - cosi' l'incipit della missiva - all'indomani del sisma del 6 aprile del 2009 che colpi'L'Aquila e piu' di 50 comuni del cratere, durante il G8 che sitenne proprio all'Aquila a luglio, al capoluogo abruzzeseancora ferito, furono fatte, dai diversi Paesi partecipanti,delle promesse di aiuto in varie forme, anche se a prevalerefurono in sostanza le 'adozioni di monumenti gravementedanneggiati e quindi da ricostruire. Mentre le altre nazionipresenti decisero di dare il proprio contributo al restaurodella citta' distrutta, adottando un monumento (e questo finorae' accaduto con la Russia, la Francia, la Germania e ilKazakistan) o investendo nella realizzazione di nuove strutture- il Canada per la nuova residenza per studenti universitari eil Giappone per un nuovo palazzetto dello sport - lei promiseal sindaco Massimo Cialente un aiuto agli studenti universitaridell'Aquila, dopo aver visto i resti della Casa dello Studentesventrata dal sisma e con il dolore ancora vivo per gli 8giovani che da quella struttura uscirono senza vita. L'aiuto - ricorda D'Alfonso - doveva riguardare un sistemadi scambio culturale fra studenti italiani e americani e lapromozione e messa a disposizione di 'borse di studio' perstudenti universitari. Dopo sei anni non abbiamo ricevutoalcuna risposta e puo' facilmente immaginare quanto siafondamentale, per noi abruzzesi, per la citta' capoluogo e peril nostro territorio, che vengano attivati questi scambi con ilsuo Paese che tanto ha aiutato e contribuito alla crescitaculturale e sociale di intere generazioni. Gentile Presidente -si legge infine nella lettera del governatore - nellaconvinzione di trovarla ancora sensibile rispetto ad un'idea ead un impegno entrati nei cuori e nell'immaginazione degliabruzzesi, le chiedo di voler verificare che l'iniziativa abbiaun felice esito, secondo le attese della citta' dell'Aquila.Colgo l'occasione per esprimerle la mia stima e la miagratitudine". (AGI)Ett