TERREMOTO: CURIA PROPONE PIANO RECUPERO EDIFICI STORICI

(AGI) - L'Aquila, 9 dic.- La Curia Arcivescovile di L'Aquila,proprietaria di alcuni degli immobili di maggior pregio delcentro cittadino, si fa promotrice di un piano strategico e diuna proposta di recupero e rinnovamento. " Un'ipotesi - siafferma in una nota della Curia Arcivescovile - di proporzionitali da essere forse in grado di innescare un ancor piu' ampiointervento sul patrimonio edilizio con il gradualecoinvolgimento delle pubbliche amministrazioni e dei privati.Le diverse unita' immobiliari di proprieta' della CuriaArcivescovile nel centro dell'Aquila, tutte per lo piu' digrandissimo significato non solo sul piano spirituale

(AGI) - L'Aquila, 9 dic.- La Curia Arcivescovile di L'Aquila,proprietaria di alcuni degli immobili di maggior pregio delcentro cittadino, si fa promotrice di un piano strategico e diuna proposta di recupero e rinnovamento. " Un'ipotesi - siafferma in una nota della Curia Arcivescovile - di proporzionitali da essere forse in grado di innescare un ancor piu' ampiointervento sul patrimonio edilizio con il gradualecoinvolgimento delle pubbliche amministrazioni e dei privati.Le diverse unita' immobiliari di proprieta' della CuriaArcivescovile nel centro dell'Aquila, tutte per lo piu' digrandissimo significato non solo sul piano spirituale ereligioso, ma anche storico-artistico, civico e sociale,costituiscono per la stessa Curia una enorme responsabilita'.Una sapiente gestione di tale patrimonio architettonico -secondo la Curia - puo' contribuire in maniera decisiva allarinascita del centro e dell'intera citta'. Il restauro degliedifici danneggiati, la ricostruzione di quelli distrutti,l'adeguamento alle necessita' contemporanee (dalla sicurezzasismica all'accessibilita', dall'efficienza energetica allaqualita' dell'immagine) come la loro ridestinazione funzionale,non possono che rientrare all'interno di un progetto strategicounitario da gestire con il coinvolgimento delle piu'qualificate energie ideative ed esecutive a disposizione,ricorrendo a incarichi diretti, a gare e a concorsi diprogettazione, in un quadro plurale e articolato che, se benportato avanti, puo' diventare un esemplare caso di studiodestinato a fare scuola e a innescare un virtuoso processo dirinascita urbana. La necessita' di andare verso insediamentisostenibili - prosegue la Curia - non e' piu' procrastinabile.Il piano strategico consta di due parti: la prima dedicataall'analisi del contesto di una porzione particolarmentesignificativa del centro storico; la seconda dedicata alladelineazione di alcune ipotesi d'intervento alla scala urbana,con l'identificazione e la valorizzazione di quattro ambitisimbolicamente connotati: religioso, culturale, musicale elibrario, tutti ben radicati all'interno della tradizioneaquilana". Il progetto di recupero e finalizzazione di alcuni luoghisignificativi del centro storico cittadino, verra' presentatoVenerdi' 11 dicembre alle ore 16.00 presso l'auditoriumdell'Ance all'Aquila.(AGI)com/Plt