TERREMOTO: ASSEGNAZIONE CASE E MAP PER EX ZONE ROSSE

(AGI) - L'Aquila, 1 dic. - Il sindaco dell'Aquila, MassimoCialente, ha espresso "profonda soddisfazione" per l'ordinanza3827 del presidente del Consiglio dei ministri, che, tral'altro, tutela gli interessi e i diritti di tutte le famiglieresidenti nelle ex zone rosse per la concessione degli alloggiantisismici. Cio', anche se le loro case erano classificate B eC. Pertanto, i nuclei che, alle date del censimento delfabbisogno abitativo (che si e' svolto dal primo al 10 agosto),le cui abitazioni principali erano inserite nelle zone rossedella citta' e delle frazioni, conserveranno il diritto aottenere l'alloggio del

(AGI) - L'Aquila, 1 dic. - Il sindaco dell'Aquila, MassimoCialente, ha espresso "profonda soddisfazione" per l'ordinanza3827 del presidente del Consiglio dei ministri, che, tral'altro, tutela gli interessi e i diritti di tutte le famiglieresidenti nelle ex zone rosse per la concessione degli alloggiantisismici. Cio', anche se le loro case erano classificate B eC. Pertanto, i nuclei che, alle date del censimento delfabbisogno abitativo (che si e' svolto dal primo al 10 agosto),le cui abitazioni principali erano inserite nelle zone rossedella citta' e delle frazioni, conserveranno il diritto aottenere l'alloggio del progetto C.A.S.E. o il M.A.P., anche sei loro fabbricati B e C si trovano in aree successivamentesottratte alla zone rosse e dunque riaperte alla circolazione.L'alloggio antisismico sara' concesso per il tempo strettamentenecessario all'esecuzione dei lavori di riparazione degliimmobili interessati, secondo le previsioni formulate dalprogettista e dal direttore dei lavori e inserite nel contrattodi affidamento degli interventi. Altra condizione perl'assegnazione del Case o del Map e' che, in questi casiparticolari, le domande di contributo per la riparazione devonoessere presentate entro il 25 febbraio 2010 (90 giorni dalladata dell'ordinanza, firmata il 27 novembre) per quelleabitazioni ricadenti nelle zone rosse gia' riaperte, oppure 90giorni dalla pubblicazione sull'albo pretorio del Comune deiprossimi provvedimenti di riapertura dei centri storici, oppureancora 90 giorni dalla pubblicazione degli esiti di agibilita'delle case, se ulteriormente successivi. Inoltre, come previstodalla stessa ordinanza presidenziale, i lavori di riparazionedelle B e delle C (tutte, non solo quelle delle ex zone rosse)devono essere avviate entro sette giorni dalla comunicazionedella concessione del contributo definitivo ed esserecompletati nei tempi indicati nel preventivo di spesa allegatoalla domanda del contributo medesimo; in ogni caso, le operedovranno essere comunque completate entro sei mesi per quantoriguarda gli immobili classificati B e sette mesi per ifabbricati con esito C, salvo situazioni di particolarecomplessita' da documentare con perizia asseverata e con ilconsenso del Comune. (AGI) Com/Ett (Segue)