Terremoto: ad Amatrice "punto di ascolto studenti Univaq"

(AGI) - L'Aquila, 1 set. - "L'Universita' dell'Aquila ha istituito un "Punto di ...

Terremoto: ad Amatrice "punto di ascolto studenti Univaq"
 Terremoto sisma Amatrice rieti Univaq università l'aquila tendopoli

(AGI) - L'Aquila, 1 set. - "L'Universita' dell'Aquila ha istituito un "Punto di ascolto studenti Univaq" ad Amatrice, gestito da personale volontario dell'Ateneo, per andare incontro alle esigenze immediate e per fornire diverse forme di supporto ai nostri studenti residenti nella zona colpita dal sisma". Lo rende noto la rettrice Paola Inverardi. "La nostra tenda - spiega - si trova nel campo della Regione Lazio (Campo Lazio, vicino al Palazzetto dello sport, ex campo sportivo), dispone di connessione Wi-Fi gratuita ed e' dotata di computer. (e' raggiungibile anche telefonicamente ai seguenti numeri: 0746826398, 3357861376). All'entrata del campo e' necessario farsi riconoscere e segnarsi come ospite. La tenda e' in comune con il Corpo Militare E.I.-S.M.O.M., corpo volontario ausiliario dell'Esercito Italiano dell'Associazione dei cavalieri italiani del sovrano militare ordine di Malta (ACISMOM) per l'assistenza sanitaria ed umanitaria, che ha messo a disposizione se necessario, anche di notte, per le eventuali esigenze dell'Universita', tutta la sua potenzialita', dal personale nei diversi assetti (sanitario, logistico, etc.) ai mezzi di trasporto in dotazione. Il posto fisso e' anche dotato di un defribillatore e di uno zaino di soccorso. Per altro tutto il personale impiegato dal Corpo Militare e' abilitato soccorritore esperto e BLS-D. "L'Ateneo - aggiunge la rettrice - ringrazia il Corpo Militare E.I.-S.M.O.M. per la professionalita' dimostrata e il concreto aiuto e supporto per questa iniziativa che rappresenta una delle iniziative con le quali la nostra Istituzione vuole far sentire la propria vicinanza agli studenti coinvolti in questa terribile tragedia. Il punto di ascolto e' punto di riferimento anche per altri Atenei che abbiano l'esigenza di attivare contatti con i propri studenti residenti nel cratere sismico. L'Ateneo - prosegue Inverardi - ha inoltre messo in campo una serie di iniziative a favore dei propri studenti coinvolti dal sisma del 24 agosto prevedendo: l'esenzione dal pagamento delle tasse e dei contributi universitari per tutti gli studenti iscritti o che si immatricolano, residenti nei comuni del cratere sismico; l'attivazione di un servizio psicopedagogico e di sostegno alla genitorialita' con il Progetto 'Velino for Children', promosso dalla Comunita' Montana del Velino in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umane dell'Universita' degli Studi dell'Aquila e con associazioni di volontariato ed enti di varia natura nei Comuni colpiti dal sisma. L'obiettivo e' quello di dare risposte efficaci alla popolazione in eta' scolare, alle famiglie, alle scuole, sia nell'immediata emergenza che nel post-emergenza. Nell'immediato - fa sapere la rettrice - verra' attivato ad Amatrice, con possibilita' di unita' mobile per le frazioni e altri comuni, un servizio psico-socio-pedagogico destinato ai bambini, alle famiglie, alle realta' educative e scolastiche presenti sul territorio". Tra le iniziative anche "l'assistenza nell'Ambulatorio di Neuropsicologia clinica, sito all'edificio Delta 6 dell'Ospedale San Salvatore (piano terra, stanza nr. 119, telefono 3283239666, 0862433401) a disposizione per gli studenti e per i residenti dell'area colpita dal sisma per valutazioni europsicologiche, di psicologia clinica e interventi mirati sul disturbo postraumatico da stress; l'assistenza da parte del Servizio di Ascolto e Consultazione per Studenti (SACS) che ha seguito in questi anni molti studenti che presentavano vari tipi di problemi che, in qualche maniera, potevano interferire sul loro rendimento accademico. Il Servizio, in analogia alla funzione svolta nei mesi successivi al terremoto dell'Aquila, vuole ribadire la propria disponibilita' ad ascoltare i problemi dei nostri studenti, soprattutto quelli colpiti direttamente o indirettamente dal recente sisma dell'Italia Centrale, causando loro sentimenti di sofferenza psichica. (Sito web: http://www.univaq.it/section.php?id=530, http://sacsuniaq.altervista.org/index.html) L'Ateneo - dice ancora Inverardi - e' inoltre impegnato nell'attivazione di altre forme di aiuto e sostegno a tutti i propri studenti colpiti dal sisma per consentire loro di poter continuare il proprio percorso formativo. L'aiuto sara' sia finanziario che logistico, in collaborazione con l'ADSU, il Comune e la Regione". (AGI)
Red/Ett