Sociale: Sclocco, in Abruzzo 17 mln per il "Sia"

(AGI) - Pescara, 30 ago. - Un plafond di 17 milioni di euro a disposizione della...

(AGI) - Pescara, 30 ago. - Un plafond di 17 milioni di euro a disposizione della Regione Abruzzo per sostenere le famiglie che vivono in condizioni economiche disagiate. I fondi saranno erogati nell'ambito dell'iniziativa nazionale del "Sostegno per l'Inclusione Attiva (Sia)", promosso dal ministero delle Politiche Sociali. I beneficiari sono le famiglie con Isee corrente, in corso di validita', inferiore o uguale a 3.000 euro e con una di queste condizioni: presenza di un componente di eta' minore di anni 18; presenza di una persona con disabilita' e di almeno un suo genitore; presenza di una donna in stato di gravidanza accertato. "A differenza della social card, che prevede solo una sorta di assistenzialismo, questa misura offre la possibilita' di coinvolgere l'intero nucleo familiare all'interno di un progetto volto al superamento della condizione di poverta', al reinserimento lavorativo e all'inclusione sociale - osserva l'assessore alle politiche sociali Marinella Sclocco -. Si tratta di un nuovo strumento che affianca altre iniziative messe gia' in campo dalla Regione e mirate a sostenere una fascia della popolazione che vive in condizioni economiche disagiate". L'assessore Sclocco, poi, analizza anche il contenuto della misura. "L'erogazione di un plafond cosi' alto, circa 17 milioni di euro, e' frutto di un monitoraggio analitico, che porta in superficie una fascia di famiglie con minori che in Abruzzo vivono in condizione di poverta' assoluta - sottolinea ancora Marinella Sclocco -. Nel progetto, quindi, la Regione avra' un ruolo di coordinamento, rispetto all'Inps, incaricato a erogare il contributo, e gli enti di Ambito, che seguiranno l'attivita' di informazione, raccolta delle istanze e di front office per le famiglie". Dal prossimo 2 settembre (45 giorni dopo l'entrata in vigore del decreto), i cittadini in possesso dei requisiti, possono presentare la richiesta per il 'Sia' direttamente agli Enti di Ambito e, durante il percorso, saranno seguiti dagli assistenti sociali per la stipula dei programmi di assistenza e inclusione sociale. (AGI)
Red/Ett