Sciopero: Confesercenti Abruzzo, in piazza dramma piccole imprese

(AGI) - Pescara, 13 dic. - "Le tematiche portate in piazza ieridai sindacati abruzzesi, dal precariato di oggi alla paura delfuturo, sono molto vicine all'enorme disagio che vivono oggi lepiccole imprese". Lo afferma Enzo Giammarino, direttoreregionale di Confesercenti Abruzzo. "Il mondo del lavoroautonomo e' una delle vittime piu' evidenti della crisi edell'inadeguatezza delle misure economiche messe in campofinora - spiega Giammarino - non occorre guardare lontano pervedere che non c'e' traccia di ripresa nei consumi interni, eche per le piccole imprese, carne viva della nostra economia,l'uscita dal tunnel non si

(AGI) - Pescara, 13 dic. - "Le tematiche portate in piazza ieridai sindacati abruzzesi, dal precariato di oggi alla paura delfuturo, sono molto vicine all'enorme disagio che vivono oggi lepiccole imprese". Lo afferma Enzo Giammarino, direttoreregionale di Confesercenti Abruzzo. "Il mondo del lavoroautonomo e' una delle vittime piu' evidenti della crisi edell'inadeguatezza delle misure economiche messe in campofinora - spiega Giammarino - non occorre guardare lontano pervedere che non c'e' traccia di ripresa nei consumi interni, eche per le piccole imprese, carne viva della nostra economia,l'uscita dal tunnel non si vede neppure. Il mondo delcommercio, dell'artigianato, dei servizi - sottolinea ancora ildirettore di Confesercenti - non puo' che essere vicino a chichiede potere d'acquisto, occupazione, stabilita' economica,diritto a costruire un futuro. Solo dando risposte a questedomande potra' riprendersi anche il mercato interno, senza ilquale nessun aumento dell'export potra' ridare fiato al cuoredella nostra economia regionale. Perche' occorre prendere attoche esistono due economie in Abruzzo, e che non e' ipotizzabilesostenere, seppur con sforzi meritevoli, solo chi e' propensoall'export: non basta. E questo vale anche per il turismo, cheper tornare a livelli di sviluppo ha bisogno inevitabilmenteanche di un forte mercato interno. Anche per questo - concludeil direttore di Confesercenti - e' necessario trovare subito unluogo di confronto con la Regione: non siamo nostalgici delpassato concertativo ma vogliamo entrare nel merito dellescelte". Anche di questo si parlera' nella mattina dimercoledi' 17 dicembre a Chieti, nel meeting regionaledell'associazione, che dopo l'elezione del nuovo presidenteregionale ospitera' sul palco dell'auditorium "FilibertoCianci" il presidente della Regione Luciano D'Alfonso el'assessore al bilancio Silvio Paolucci. (AGI)Red/Ett