Prostituzione: latitante rintracciato e arrestato in Romania

(AGI) - Pescara, 11 dic. - E' stato catturato a Pantelimon(Romania), vicino a Bucarest, un latitante romeno che lasquadra mobile di Pescara cercava dal mese di gennaio, quandoha eseguito una operazione contro il racket della prostituzioneeffettuando quattro arresti. L'uomo catturato e arrestato ieridalla mobile, in collaborazione con la Polizia romena e ilServizio Interpol, e' Ionel Cristea, 30 anni, rinchiuso incarcere in attesa di essere estradato per essere interrogatodal gip di Pescara, Gianluca Sarandrea, che ha firmato l'ordinedi arresto nei suoi confronti. Era l'unico ad essere sfuggitoalla cattura e deve rispondere

(AGI) - Pescara, 11 dic. - E' stato catturato a Pantelimon(Romania), vicino a Bucarest, un latitante romeno che lasquadra mobile di Pescara cercava dal mese di gennaio, quandoha eseguito una operazione contro il racket della prostituzioneeffettuando quattro arresti. L'uomo catturato e arrestato ieridalla mobile, in collaborazione con la Polizia romena e ilServizio Interpol, e' Ionel Cristea, 30 anni, rinchiuso incarcere in attesa di essere estradato per essere interrogatodal gip di Pescara, Gianluca Sarandrea, che ha firmato l'ordinedi arresto nei suoi confronti. Era l'unico ad essere sfuggitoalla cattura e deve rispondere di aver fatto parte di unapericolosa banda criminale di matrice romena che si sarebberesa responsabile dei reati di favoreggiamento e sfruttamentodella prostituzione, estorsione, lesioni, violenza privata eminacce. L'uomo agiva con altre quattro persone, per la mobile, e labanda era attiva nella zona Sud di Pescara e all'interno dellapineta Dannunziana. Durante le indagini, si e' rivelatadecisiva la collaborazione di una delle ragazze sfruttate,arrivata in Italia con la promessa di un lavoro come badante.E' fuggita dai suoi aguzzini, i quali l'avevano perfinominacciata di farla partorire e di vendere suo figlio, e hatrovato rifugio nelle strutture dell'associazione "On The Road"e ha avviato la sua collaborazione con la polizia.L'organizzazione gestiva un giro d'affari di almeno centomilaeuro al mese, sfruttando decine di giovani ragazze rumene, enon e' la prima smantellata dalla mobile di Pescara, diretta daPierfrancesco Muriana. (AGI) Pe1/Bru