Processo a Bussi: rinviato al 18 novembre procedimento bis

(AGI) - Pescara, 15 lug. - E' stata rinviata al 18 novembreprossimo per un problema tecnico procedurale l'udienza davantial gup del Tribunale di Pescara relativo al procedimento bissulla mega discarica di rifiuti tossici, rinvenuta nel marzo2007, a Bussi sul Tirino (Pescara). Nello specifico, manca ilgiudice titolare del procedimento, cioe' Maria Carlo Sacco,attualmente in servizio presso un altro Tribunale. Ad occuparsidel processo sara' il gup Maria Michela Di Fine. Nelprocedimento, che e' uno stralcio di quello principale,risultano coinvolte cinque persone, per lo piu' ex vertici diAca e Ato. Si tratta in

(AGI) - Pescara, 15 lug. - E' stata rinviata al 18 novembreprossimo per un problema tecnico procedurale l'udienza davantial gup del Tribunale di Pescara relativo al procedimento bissulla mega discarica di rifiuti tossici, rinvenuta nel marzo2007, a Bussi sul Tirino (Pescara). Nello specifico, manca ilgiudice titolare del procedimento, cioe' Maria Carlo Sacco,attualmente in servizio presso un altro Tribunale. Ad occuparsidel processo sara' il gup Maria Michela Di Fine. Nelprocedimento, che e' uno stralcio di quello principale,risultano coinvolte cinque persone, per lo piu' ex vertici diAca e Ato. Si tratta in particolare di Giorgio D'Ambrosio,all'epoca dei fatti presidente dell'Ato; Bruno Catena,all'epoca presidente dell'Aca Spa; Bartolomeo Di Giovanni, comedirettore generale dell'Aca; Lorenzo Livello, in qualita' didirettore tecnico dell'Aca Spa e Roberto Rongione, responsabiledel Servizio Sian della Asl di Pescara. Il reato contestato e'la distribuzione delle acque contaminate. "Ci dovremoricostituire parte civile - ha detto l'avvocato del Wwf TommasoNavarra - in quanto lo snodo processuale essenzialmente e'nuovo e si riparte da capo. E' un problema di tempi, chiediamouna sollecita definizione di questa che e' una fase soltantopreliminare. Siamo ancora in udienza preliminare". L'avvocatoLino Sciambra, che oggi sostituiva l'avvocatura dello Stato, haannunciato che il ministero della Salute, come ha gia' fatto ilministero dell'Ambiente, si costituira' parte civile. "La veragiustizia - ha detto Luciano Di Tizio, presidente del WwfAbruzzo- e' la bonifica del territorio". All'esterno delTribunale gli ambientalisti stanno manifestando per "chiederegiustizia per l'acqua e l'Abruzzo". (AGI) Inviato da iPadPe2/Ett