MACERIE: CHIODI, PARTIAMO DA PIAZZA PALAZZO, SIMBOLO CITTA'

(AGI) - L'Aquila, 18 mar. - "La rimozione delle macerie e'partita da Piazza Palazzo perche' e' il simbolo della citta'dell'Aquila ed e' il luogo che al piu' presto deve tornarenella disponibilita' degli aquilani". Lo ha detto ilcommissario per la ricostruzione, Gianni Chiodi, commentandol'inizio dei lavori di rimozione delle macerie dal centrostorico dell'Aquila, avviati questa mattina dai Vigili delfuoco. "Abbiamo iniziato la rimozione delle macerie - ha poidetto Chiodi - perche' L'Aquila non puo' essere lo stoccaggioprovvisorio delle macerie soprattutto per motivi psicologici eambientali. Dovranno essere liberate prima le piazza e

(AGI) - L'Aquila, 18 mar. - "La rimozione delle macerie e'partita da Piazza Palazzo perche' e' il simbolo della citta'dell'Aquila ed e' il luogo che al piu' presto deve tornarenella disponibilita' degli aquilani". Lo ha detto ilcommissario per la ricostruzione, Gianni Chiodi, commentandol'inizio dei lavori di rimozione delle macerie dal centrostorico dell'Aquila, avviati questa mattina dai Vigili delfuoco. "Abbiamo iniziato la rimozione delle macerie - ha poidetto Chiodi - perche' L'Aquila non puo' essere lo stoccaggioprovvisorio delle macerie soprattutto per motivi psicologici eambientali. Dovranno essere liberate prima le piazza e poi lestrade del centro storico". L'attivita' di rimozione e'affidata temporaneamente, come anche concordato nell'ultimariunione con il ministro dell'Ambiente, ai Vigili del fuoco."Ci siamo rivolti agli organi dello Stato - ha spiegato Chiodi- ed ho coinvolto le Sovrintendenze e i carabinieri del nucleoecologico. La vera novita' - ha aggiunto il commissario - e'che la rimozione delle macerie e' ora partita in manierasistematica, che insistera' per un periodo purtroppo lungo eche riguardera' tutta la filiera, a cominciare dallaprogettazione dei luoghi di stoccaggio temporaneo". Ilcommissario ha poi lanciato un avvertimento sulla gestione ditutta l'operazione rimozione. "Non dovra' accadere soprattuttoquanto accaduto in passato: e cioe' che le imprese che hannofatto lavori di demolizione e puntellamento usino poi le piazzeprincipali della citta' come aree di cantiere depositando imateriali di risulta. Questi - insiste Chiodi - dovranno essereselezionati a cura delle imprese, noi forniremo loro degli'scarrabili' nelle zone strategiche della citta' dove poterconferire e successivamente prelevati dai mezzi per iltrasporto nelle grandi aree di stoccaggio". (AGI)Com/Ett