Formaggi: Ncd-Fi, tutelare prodotti abruzzesi e aziende locali

(AGI) - L'Aquila, 29 giu. - "La strada intrapresa dallaCommissione europea di vietare l'utilizzo del latte per laproduzione del formaggio e' assurda e inconcepibile". Loaffermano in una nota il coordinatore provinciale dell'Aquiladel Ncd-Area Popolare, Massimo Verrecchia, ed il consigliereprovinciale di Forza Italia, Gianluca Alfonsi, in merito alladecisione della Commissione Ue di avviare la procedurad'infrazione perche' considera la legge italiana (138 dell'11aprile 1974 ) a tutela della qualita' come una restrizione allalibera circolazione delle merci, essendo la polvere di latte eil latte concentrato ampiamente utilizzati in tutta Europa."Questa decisione se

(AGI) - L'Aquila, 29 giu. - "La strada intrapresa dallaCommissione europea di vietare l'utilizzo del latte per laproduzione del formaggio e' assurda e inconcepibile". Loaffermano in una nota il coordinatore provinciale dell'Aquiladel Ncd-Area Popolare, Massimo Verrecchia, ed il consigliereprovinciale di Forza Italia, Gianluca Alfonsi, in merito alladecisione della Commissione Ue di avviare la procedurad'infrazione perche' considera la legge italiana (138 dell'11aprile 1974 ) a tutela della qualita' come una restrizione allalibera circolazione delle merci, essendo la polvere di latte eil latte concentrato ampiamente utilizzati in tutta Europa."Questa decisione se assunta - aggiungono Verrecchia e Alfonsi- comprometterebbe l'economia e la qualita' dei nostri prodotticonsiderando che nella sola provincia dell'Aquila ci sonodecine di caseifici oltre a molte piccole aziende anche aconduzione familiare che tramandano una delle eccellenze delnostro territorio. A tal proposito i nostri parlamentariabruzzesi, Filippo Piccone (Ncd- Ap) e Fabrizio Di Stefano(Fi), presenteranno una apposita interrogazione parlamentareper porre l'accento sulla tutela di uno dei prodotti alimentaritipici della nostra tradizione abruzzese", concludonoVerrecchia e Alfonsi. (AGI)Red/Ett

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it