Expo: Annalisa Amorosi a Milano con i gioielli della Majella

(AGI) - Lama dei Peligni (Chieti), 6 ott. - Gioielli legatialla storia, alla cultura e al paesaggio della Majella. Questae' la filosofia di Annalisa Amorosi, Maestro d'arte orafa diLama dei Peligni, che ha riscosso successo nei giorni scorsiall'Expo a Milano. Tra le opere presentate all'esposizioneinternazionale dedicata al tema dell'alimentazione, non potevamancare il gioiello di Fara San Martino che rappresenta unchicco di grano che contiene una goccia di acqua. Vita, questoe' il nome del gioiello, e' un simbolo che abbraccia la storiadi Fara San Martino e che si abbina precisamente al tema

(AGI) - Lama dei Peligni (Chieti), 6 ott. - Gioielli legatialla storia, alla cultura e al paesaggio della Majella. Questae' la filosofia di Annalisa Amorosi, Maestro d'arte orafa diLama dei Peligni, che ha riscosso successo nei giorni scorsiall'Expo a Milano. Tra le opere presentate all'esposizioneinternazionale dedicata al tema dell'alimentazione, non potevamancare il gioiello di Fara San Martino che rappresenta unchicco di grano che contiene una goccia di acqua. Vita, questoe' il nome del gioiello, e' un simbolo che abbraccia la storiadi Fara San Martino e che si abbina precisamente al temadell'Expo "Nutrire il pianeta, energia per la vita". Ilgioiello infatti unisce passato, presente e futuro in un'unicarappresentazione che e' sia acqua che grano. Elementi primarisono l'oro che simboleggia il grano e lo smeraldo cherappresenta l'acqua delle Sorgenti del Verde immerse nel ParcoNazionale della Majella. Questi due elementi, attraverso lacentenaria maestria farese, danno vita alla pasta, unaspecialita' mondiale. Insomma acqua e grano a simboleggiare lavita della pasta, ma anche la vita che si genera di famiglia infamiglia, e che mantiene viva la tradizione. Vita artigianale eindustriale che con l'acqua e con il grano rappresenta la vitache palpita in Fara San Martino. "Sono felice" dichiaraAnnalisa Amorosi "che gioielli cosi' legati all'Abruzzo abbianoavuto una vetrina tanto importante. E' stata un'occasione permandare un messaggio che ricorda la qualita' e la genuinita'dei prodotti della nostra terra. Oltretutto creare gioielli cherappresentano i nostri luoghi mi dona un'emozione particolare"."Abbiamo voluto concedere" aggiunge Giuseppe Di Rocco, sindacodi Fara San Martino "il Patrocinio del Comune al Gioiello inoro, ideato e realizzato dall'artista orafa Annalisa Amorosi.Un gioiello che in poco piu' di due mesi ha raggiuntol'Esposizione Internazionale per eccellenza. Trovare fra glistand di Expo 2015, oltre alle paste di Fara, 'la spiga d'oro'che identifica Fara San Martino e' motivo di grande orgoglioper me come immagino lo sia per ogni concittadino farese e perquesto sono davvero molto grato ad Annalisa". "Il legame diAnnalisa Amorosi al territorio" conclude Antonino Amorosi,sindaco di Lama dei Peligni "e' forte e vincente. I suoigioielli dedicati a Lama e alla Majella sono pregevoli,rappresentano le bellezze architettoniche e naturalistiche deinostri luoghi e danno valore alle esperienze artigianali chesosteniamo con il progetto Strategia Nazionale per le AreeInterne, teso a individuare e a promuovere i saperi e leesperienze di sviluppo economico". L'esposizione delle opere diAnnalisa Amorosi e' stata curata dall'agenzia pescareseEventury di Mariangela Nerone. (AGI)Red/Ett