Corsi giornalismo: Odg Abruzzo a "freelance", attenti a truffe

(AGI) - L'Aquila, 5 dic. - In Italia la professionegiornalistica e' regolata dalla legge n.69 del 1963. Tale leggeprevede un albo diviso in due categorie: giornalistiprofessionisti e giornalisti pubblicisi. Non esistono, dunque,giornalisti freelance, contrariamente a quello che qualcheassociazione vuol propinare ai giovani che incautamente siiscrivono a presunti corsi di giornalismo che prevedono ilpagamento di una retta e stage non retibuiti. L'Ordine deigiornalisti d'Abruzzzo "diffida gli organizzatori di talicorsi, per il conseguimento di una inesistente qualifica digiornalista freelance, dal continuare i corsi stessi". Lo stesoorganismo di categoria, presieduto da Stefano

(AGI) - L'Aquila, 5 dic. - In Italia la professionegiornalistica e' regolata dalla legge n.69 del 1963. Tale leggeprevede un albo diviso in due categorie: giornalistiprofessionisti e giornalisti pubblicisi. Non esistono, dunque,giornalisti freelance, contrariamente a quello che qualcheassociazione vuol propinare ai giovani che incautamente siiscrivono a presunti corsi di giornalismo che prevedono ilpagamento di una retta e stage non retibuiti. L'Ordine deigiornalisti d'Abruzzzo "diffida gli organizzatori di talicorsi, per il conseguimento di una inesistente qualifica digiornalista freelance, dal continuare i corsi stessi". Lo stesoorganismo di categoria, presieduto da Stefano Pallotta, avverte i colleghi, chiamati a svolgere lezioni, che "possonoessere perseguiti (e lo saranno) per sfruttamento del lavorogiornalistico ai sensi della Carta di Firenza, poiche' sannoche i giovani, che frequentano tali corsi, oltre a lavoraregratuitamente, con l'inganno dello stage, pagano anche unaretta". L'Odg, infine, precisa che "la partecipazione ai corsiin questione non da' alcun diritto per l'iscrizione all'Ordinedei giornalisti. Qualora dovesse arrivare all'Ordine unarichiesta di iscrizione, sulla scorta della documentazioneprodotta dalla societa' o dalla testata on line che li haorganizzati, si provvedera' alla denuncia presso le competentiautorita'". (AGI)Ett