Calcio: Oddo, mi tengo stretta la serie A con il Pescara

(AGI) - Pescara, 10 giu. - "Non c'e' niente di piu' bello che conquistarsela, un...

(AGI) - Pescara, 10 giu. - "Non c'e' niente di piu' bello che conquistarsela, una cosa. E ora che ce la siamo conquistata, la serie A, me la tengo stretta". Lo ha detto stamani l'allenatore del Pescara, Massimo Oddo, nel corso della manifestazione che si e' svolta in Comune, dove la squadra - di ritorno da Trapani dove ieri sera ha battuto l'undici allenato da Serse Cosmi - e' stata accolta per festeggiare la promozione in serie A. "Abbiamo conquistato questa serie A e me la tengo stretta", ha aggiunto rispondendo alle domande dei giornalisti che gli chiedevano della sua permanenza nella squadra biancazzurra, "a patto che il presidente non mi venda tutti. Ma credo, ha proseguito Oddo, che sia memore degli errori fatti qualche anno fa. La serie A non e' la serie B, non puoi pensare di costruire qualcosa da zero in serie A. Gran parte del gruppo", cioe' della squadra di oggi, "e' la base per costruire qualcosa di importante". "Non accade tutti i giorni, ha detto sempre Oddo durante le interviste che hanno preceduto l'incontro con i tifosi nella sala consiliare, fare due finali di seguito. Abbiamo ricostruito tutto da zero, dopo aver perso tanti giocatori, avevamo una squadra giovane composta da talenti che dovevano esplodere. Evidentemente questi talenti o futuri talenti sono esplosi e hanno fatto grandi cose, riuscendo a portare il Pescara in serie A". Il risultato raggiunto "e' frutto di un lavoro di gruppo, di uno staff intero e dei ragazzi, che hanno dato la massima disponibilita'". A chi lo ha lodato per le parole spese ieri a fine partita per l'allenatore del Trapani, Serse Cosmi, ha detto che "e' strano enfatizzare questo gesto: per me e' la normalita', e' la mia educazione, dovrebbe essere all'ordine del giorno. Si fanno sempre i complimenti e l'onore delle armi a chi ha combattuto". (AGI)

Pe1/Ett