Bimbi casa-famiglia Tortoreto a palazzo Chigi in visita guidata

(AGI) - Tortoreto (Teramo), 5 ago. - I Bambini di Betania della casa-famiglia di...

(AGI) - Tortoreto (Teramo), 5 ago. - I Bambini di Betania della casa-famiglia di Tortoreto, sono stati invitati ieri a Roma a palazzo Chigi per partecipare ad una esclusiva visita guidata e per poter presentare sia il proprio libro edito da Ricerche&Redazioni e frutto di un progetto multimediale, sia il cortometraggio dal medesimo titolo "La squadra vincente dei Bambini di Betania", progetti entrambi sostenuti dalla Fondazione Tercas. L'iniziativa e' stata organizzata dalla presidente della casa-famiglia, Maria Luisa Giangiulio, dal presidente dell'associazione culturale Teramo Nostra, Piero Chiarini e dalla volontaria della casa famiglia e vice presidente dell'associazione culturale Genius Loci, Laura De Berardinis. "Grazie all'accoglienza ricevuta dall'alto dirigente di Stato, la dottoressa Ilva Sapora - ha dichiarato Laura De Berardinis - i bambini hanno vissuto attimi indimenticabili e utili sia per una maggiore propria consapevolezza e conoscenza delle nostre istituzioni e del cerimoniale di Stato, sia per promuovere il proprio impegno in seno alla societa' ed essere portatori loro stessi di valori. Il libro e il cortometraggio, assieme a un gioco antico realizzato dall'artista Ivo Galassi di Colonia, sono stati donati a Matteo Renzi e personalmente alla dottoressa Sapora che ci ha accolto con il suo staff. Nelle lettere di accompagnamento ai doni - ha detto ancora Laura De Berardinis - i bambini hanno chiesto al premier Renzi di proteggere i nostri fiumi e mari raccontando della bellezza dell'Abruzzo e di voler essere considerati non solo come il futuro ma soprattutto come parte attiva del presente e testimoni di valori di pace, solidarieta' e integrazione. Il premier e' stato anche invitato, con semplicita' dai bimbi, a una merenda in casa famiglia, la prossima volta che tornera' in Abruzzo. Un ringraziamento speciale - ha concluso Laura De Berardinis - va alla Fondazione Tercas che in questi anni ci ha sostenuto". (AGI)


Red/Ett