Autostrade A24/A25: Realacci, progetto Toto inutile e dannoso

(AGI) - Roma, 6 ott. - "Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti rispon...

(AGI) - Roma, 6 ott. - "Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti rispondendo a una mia interrogazione in Commissione ha confermato pienamente che il progetto autostradale di Toto per la Strada dei Parchi ha poco a che vedere con la messa in sicurezza antisismica e che tali interventi vanno invece eseguiti sul tracciato esistente. Si conferma la mia opinione: si tratta di un progetto inutile, costoso e dannoso. Lo afferma Ermete Realacci, presidente della VIII Commissione Ambiente della Camera, commentando la risposta del governo alla sua interrogazione in Commissione (n. 5-09603). "Adducendo motivi di sicurezza e ambientali, la Toto Holding Spa voleva infatti realizzare la rettifica di due tratti di A24 e A25 per complessivi 30 chilometri, 55 gallerie e un investimento di oltre 6 miliardi di euro, chiedendo per questo un allungamento della concessione di 45 anni e l'aumento delle tariffe. Un progetto - dice Realacci - che non e' ne' coerente ne' adeguato alle finalita' dichiarate. Secondo il governo sono invece necessari interventi per garantire l'adeguamento e la messa in sicurezza dell'attuale tracciato, compresi i viadotti, per un importo di un miliardo e 200milioni. L'esecutivo si impegna, inoltre, ad attivarsi per evitare l'incremento delle tariffe autostradali. Nel progetto, bocciato dal governo, si sarebbero andati a toccare almeno 10 corpi idrici sotterranei, importanti per l'assetto idrogeologico; sarebbero stati stravolti gioielli ambientali unici in Europa e sarebbero stati coinvolti il Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco regionale del Sirente-Velino, la Riserva del Monte Genzana e la Riserva delle Gole di San Venanzio. Un progetto - afferma infine il parlamentare - che rischiava di compromettere pesantemente il futuro e la vocazione di quelle aree legata anche alle produzioni agroalimentari di qualita' e ad un turismo attento ai valori paesaggistici, ambientali e culturali". (AGI)
Red/Ett