Assenteismo: timbravano cartellino e andavano via, 4 denunce

(AGI) - Sulmona (L'Aquila), 23 set. - Timbravano il cartellinoed andavano via ma la Finanza li ha scoperti. Tre dipendentidella Asl 1 Avezzano-Sulmona-L'Aquila, alla sede di PratolaPeligna (L'Aquila) sono stati denunciati alla Procura dellaRepubblica per assenteismo. I militari della Guardia di Finanzadi Sulmona attraverso appostamenti, pedinamenti e servizi diosservazione, hanno monitorato per diversi mesi alcunidipendenti che durante l'orario di servizio, dopo aver timbratol'entrata, erano soliti assentarsi dal proprio posto di lavoroper recarsi presso la propria abitazione ad effettuare servizidi riassetto, sbrigare faccende personali presso uffici vari etrascorrere parte del

(AGI) - Sulmona (L'Aquila), 23 set. - Timbravano il cartellinoed andavano via ma la Finanza li ha scoperti. Tre dipendentidella Asl 1 Avezzano-Sulmona-L'Aquila, alla sede di PratolaPeligna (L'Aquila) sono stati denunciati alla Procura dellaRepubblica per assenteismo. I militari della Guardia di Finanzadi Sulmona attraverso appostamenti, pedinamenti e servizi diosservazione, hanno monitorato per diversi mesi alcunidipendenti che durante l'orario di servizio, dopo aver timbratol'entrata, erano soliti assentarsi dal proprio posto di lavoroper recarsi presso la propria abitazione ad effettuare servizidi riassetto, sbrigare faccende personali presso uffici vari etrascorrere parte del tempo al bar, fare shopping o fare laspesa. Alcuni dipendenti non si presentavano affatto in ufficioe, successivamente, anche dopo moltissimi giorni,regolarizzavano la presenza mediante la presentazione diapposita comunicazione sostitutiva, dichiarando di non aver"strisciato" il badge per dimenticanza e/o smarrimento delcartellino. Sempre secondo quanto accertato dalle FiammeGialle, alcuni di loro usufruivano quotidianamente dellatolleranza dei trenta minuti sull'orario di servizio ed inmolti casi la oltrepassavano senza effettuare il previstorecupero delle ore nella medesima giornata. I finanzieri hannoacquisito, presso gli uffici della Asl, ed esaminato tutta ladocumentazione afferente "i tabulati presenza", lecomunicazioni di regolarizzazione e altri documenti necessariall'attivita' di indagine. A conclusione delle indagini,quindi, hanno potuto documentare in modo certo l'uscita dallavoro, l'ingresso nella propria abitazione durante le ore incui gli stessi risultavano in servizio ed il rientro al lavoro.Ai dipendenti della Asl 1, quindi, sono stati contestati ireati di truffa nei confronti della Pubblica Amministrazione edi falso ideologico. Nonostante le varie difformita' emersedalla documentazione acquisita e' stato rilevato che nessuncontrollo e' stato effettuato e che nessun provvedimento e'stato mai preso dai funzionari responsabili del personale. Inrelazione a cio' e' stato segnalato alla autorita' giudiziariaanche il direttore del Distretto Sanitario per l'ipotesi direato di abuso d'ufficio e di concorso nel reato di truffaunitamente ai propri dipendenti. In merito alla vicenda e'stata interessata anche la Procura regionale della Corte deiConti di L'Aquila per il recupero dei compensi illecitamentepercepiti Ogni giorno la Guardia di Finanza opera perripristinare le necessarie condizioni di giustizia e fiduciatra cittadini ed Istituzioni. In tale ottica si inquadra ilcontrollo della spesa pubblica, contrastando truffe, abusi esprechi e favorendo migliori e sempre maggiori servizi allacollettivita'. Nello specifico l'attivita' posta in essere daifinanzieri della Compagnia di Sulmona ha riguardato, dunque, ilcontrasto all'assenteismo sui luoghi di lavoro. (AGI)Ett