Alpini: presentato l'inno per l'adunaata del 2015

(AGI) - L'Aquila, 10 dic. - E' stato presentato stamani aL'Aquila in anteprima, a Palazzo dell'Emicilo, l'inno 'Pennenere per L'Aquila', progettato e realizzato dall'IstituzioneSinfonica Abruzzese e dal Comitato Aspettando L'Aquila 2015 perla 88esima Adunata nazionale degli Alpini, musica di RobertoMolinelli e testo di Francesco Sanvitale, inciso da I Cameristidell'Isa, direttore e solista Ettore Pellegrino. Allaconferenza stampa erano presenti per l'Istituzione SinfonicaAbruzzese il presidente Antonio Centi e il direttore artisticoEttore Pellegrino, il Ppresidente Ana Abruzzi Giovanni Natale eil coordinatore del Comitato Aspettando L'Aquila 2015 CarloFrutti, oltre al vice presidente del

(AGI) - L'Aquila, 10 dic. - E' stato presentato stamani aL'Aquila in anteprima, a Palazzo dell'Emicilo, l'inno 'Pennenere per L'Aquila', progettato e realizzato dall'IstituzioneSinfonica Abruzzese e dal Comitato Aspettando L'Aquila 2015 perla 88esima Adunata nazionale degli Alpini, musica di RobertoMolinelli e testo di Francesco Sanvitale, inciso da I Cameristidell'Isa, direttore e solista Ettore Pellegrino. Allaconferenza stampa erano presenti per l'Istituzione SinfonicaAbruzzese il presidente Antonio Centi e il direttore artisticoEttore Pellegrino, il Ppresidente Ana Abruzzi Giovanni Natale eil coordinatore del Comitato Aspettando L'Aquila 2015 CarloFrutti, oltre al vice presidente del Comitato OrganizzatoreAdunata Silverio Vecchio. Il concerto di presentazione deldisco ci sara' domani, alle 17.30, all'Auditorium del Parco delCastello. Riecheggia nella storia il canto tipico degli alpiniin guerra come in tempo di pace. L'omaggio piu' prezioso che sipotesse esprimere, per l'Adunata dell'Aquila 2015, e' l'innoPenne nere per L'Aquila, un brano di altissimo profiloartistico, voluto dal Comitato Aspettando L'Aquila 2015 erealizzato grazie alla perizia dei Cameristi dell'Orchestrasinfonica abruzzese e due prestigiose firme, quella del maestroRoberto Molinelli, autore della musica e quella del professoreFrancesco Sanvitale che ha scritto il testo. All'ombra del GranSasso tornera' a riecheggiare un canto dedicato al Corpo che hasegnato il passo della storia e che torna all'Aquila perridonarle fulgore, dopo "quel triste Aprile" in cui gli alpini,ancora una volta in prima linea, hanno teso la mano alla citta'ferita. Questo disco - e' stato osservato stamani - rappresentail perfetto connubio tra la cultura musicale abruzzese e ilmondo degli alpini. Due mondi diversi eppure tanto vicini euniti. (AGI)Ett