Da Ventotene la nuova Ue. Renzi, "non finisce con Brexit"

Vertice blindato con Merkel e Hollande, l'omaggio al padre dell'europeismo Spinelli. Cancelliera apre su flessibilità

Da Ventotene la nuova Ue. Renzi, "non finisce con Brexit"
Ventotene Renzi Hollande Merkel - afp
 

Roma - Lo sfondo scelto per il vertice e' simbolico. L'isola di Ventotene, "luogo della grandezza europea" dove Altiero Spinelli e gli altri padri fondatori dell'Europa "ebbero la capacita' ed il coraggio di pensare al futuro della Europa". Il presidente del consiglio, Matteo Renzi, accoglie i suoi ospiti sulla nave Garibaldi, non prima di aver reso omaggio proprio alla tomba di Spinelli. E' questo il teatro del trilaterale con Angela Merkel e Francois Hollande per rilanciare quella che in molti definiscono "la nuova Europa". Perche' la Ue non e' finita con la Brexit, anzi, "noi vogliamo scrivere una pagina migliore" ha detto Renzi. Perche' "e' molto facile in questo tempo lamentarsi, fare polemiche e trovare colpevoli ed alibi, fare dell'Europa il capro espiatorio. Per i populisti e' la causa di tutti i mali. Ma non e' cosi'. L'Europa e' invece la soluzione ai problemi del nostro tempo. E' la piu' grande opportunita' per le nuove generazioni", ed e' per questo che "non ci facciamo scoraggiare dalla Brexit ne' dai problemi di ogni giorno".

Ue, discussi temi in cima all'agenda della Commissione

Questa e' l'ispirazione del vertice a tre. I temi al centro del summit di Ventotene vanno dalla lotta al terrorismo, ai rapporti con la Turchia, fino alle migrazioni, "priorita' assoluta". Ma anche alle "difficolta' economiche" del nostro tempo. "L'Italia e' al deficit piu' basso degli ultimi 10 anni e continuera' cosi' perche' e' giusto per i nostri figli avere un deficit basso. Continueremo in questa opera: riduzione delle tasse e del deficit, e riforme strutturali", ha annunciato il premier. E proprio sulle riforme italiane Angela Merkel riconosce "il coraggio" del premier Renzi, convinta che l'Italia avra' un "futuro sostenibile". Il presidente del Consiglio ha chiesto "misure forti per la crescita dell'Europa e investimenti di qualita' con riforme strutturali". Un auspicio sul quale "siamo tutti d'accordo".

Nel Manifesto di Ventotene il sogno europeista di Spinelli 

La cancelliera tedesca ha quindi aperto spiragli sulla flessibilita': "Il patto di stabilita' ha molte possibilita' di flessibilita'", ha assicurato, perche' "vogliamo che l'Italia, la Francia e la Germania possano crescere, in modo da creare posti di lavoro e questo significa creare delle condizioni affinche' abbiano un futuro gli investimenti privati". Sui migranti e sull'allarme terrorismo "dobbiamo fare di piu' per la sicurezza interna a esterna" all'Ue, ha spiegato Merkel, secondo cui si devono "migliorare gli scambi tra i servizi di intelligence, tutta la raccolta di informazioni sul territorio deve essere migliorata. Di fronte a sfide cosi' grandi, ai tanti profughi che arrivano, dobbiamo migliorare il meccanismo di protezione delle frontiere".

La Garibaldi, una portaerei per i tre leader

Tesi sostenuta anche dal presidente francese, secondo il quale l'Europa deve "migliorare" le sue difese "ma deve anche accogliere chi fugge". La cancelliera tedesca si e' detta tuttavia "convinta" che la collaborazione con la Turchia in tema di migranti "e' giusta". Anche Hollande riconosce che la Brexit "crea incertezza", ma "dobbiamo per quanto possibile eliminarla". Servono quindi "piu' investimenti in cultura, dobbiamo dare risposte ai giovani, non vogliamo decidere per gli altri ma dobbiamo impegnarci per portare l'Europa verso un futuro". (AGI)