Turkmenistan: Renzi, con Ashgabat "amicizia" anche oltre il gas

(AGI) - Ashgabat - Una "forte amicizia" con "grandipotenzialita' di sviluppo" in settori diversi e non soloesclusivamente in campo energetico. Cosi'  [...]

(AGI) - Ashgabat, 18 nov. - Una "forte amicizia" con "grandipotenzialita' di sviluppo" in settori diversi e non soloesclusivamente in campo energetico. Cosi' il presidente delConsiglio Matteo Renzi e il presidente turkmeno GurbangulyBerdimuhammedov hanno descritto lo stato dei rapporti tra i duePaesi, al termine dell'incontro bilaterale di oggi ad Ashgabat,dove il premier e' in visita di lavoro. "Anche alla luce degliaccordi firmati oggi, quello del gas continua a essere unsettore importante per la cooperazione tra Italia eTurkmenistan, ma ci sono molte nuove possibilita', come nelleinfrastrutture e nel turismo", ha spiegato Renzi in un incontrocongiunto con la stampa, dopo la cerimonia per la firma dialcuni accordi tra l'Eni, l'Agenzia di Stato per la gestione el'uso delle risorse di idrocarburi del Turkmenistan e lasocieta' statale Turkmenneft, a cui ha partecipato unadelegazione del Cane a sei zampe, guidata dall'ad ClaudioDescalzi. "Quelle di oggi sono stati colloqui importanti,basati su fiducia e comprensione reciproca", ha dichiaratoBerdimuhammedov, davanti ai giornalisti, nella monumentale sededel Gabinetto dei ministri, appena inaugurata in pieno centro."Abbiamo parlato anche di questioni internazionali - haaggiunto - e ribadito l'importanza di stabilita' e sicurezzanella regione". Il capo di Stato turkmeno ha poi annunciato cheil dialogo con l'Italia andra' avanti con incontri "a livellodi ministri degli Esteri" e ha riferito della proposta diformare una "commissione intergovernativa per il commercio el'economia e di lanciare l'anno incrociato della cultura tra inostri Paesi". I rapporti tra Roma ed Ashgabat hanno vissutouna svolta dopo l'apertura, nel dicembre 2013, dell'ambasciataitaliana, guidata oggi da Marco Mancini. Eni e' presente nelPaese dal 2008 e gli accordi di oggi confermano l'impegno delGruppo in questa area. "Oggi siamo qui, focalizzatisull'energia e siamo interessati alla cooperazione con l'Italianel settore del trasporto energetico, per creare corridoi traAsia ed Europa", ha detto Berdimuhammedov, spiegando che ilVecchio Continente rappresenta una "priorita' nell'agenda dipolitica estera" di Ashgabat, che al momento trasporta gas soloverso Cina e Russia. Ma per lo sviluppo dei rapporti bilateralisi punta ora anche su diversi settori, come turismo,agroalimenatre, infrastrutture, ricerca e istruzione. "L'hodetto all'ambasciatore Mancini, ci sono molte cose da fare perla cooperazione e vanno fatte velocemente e con forza", hariferito Renzi, invitando poi il capo di Stato turkmeno aMilano per l'Expo, dove il Paese centro asiatico partecipa conun suo padiglione. "Con il Turkmenistan non condividiamo soloil passato, ma soprattutto il futuro", ha poi aggiunto ilpremier, promettendo di "incoraggiare e spingere lepotenzialita' del Turkmenistan". "Questa visita e i nostriincontri futuri - ha poi concluso Renzi - dimostrano che lenostre relazioni non sono solo sul gas, ma tra i nostrigoverni". .