Attentato Ankara, Davutoglu accusa Pkk e curdo-siriani

Attentato Ankara, Davutoglu accusa Pkk e curdo-siriani
  Autobomba ad Ankara, strage di militari (afp)

Ankara - Ci sono stati 9 arresti dopo l'attentato di Ankara, costato la vita ieri a 28 persone. Lo ha reso noto il premier Ahmet Davutoglu, il quale ha anche confermato che le autorita' turche attribuiscono l'attacco terroristico al Pkk, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan, e alle milizie curde della Siria. Davutoglu ha confermato anche e' stato identificato l'autore, Salih Necar, un cittadino siriano di origine curda, che ha agito insieme alle milizie armate operanti oltre-confine. (AGI)
.