Stato-mafia: De Mita, Falcone mi disse "boss eleveranno scontro"

(AGI) - Palermo - Ciriaco De Mita, ex presidente delConsiglio e attuale sindaco di Nusco, viene sentito oggi allaCorte di assise  [...]

Stato-mafia: De Mita, Falcone mi disse "boss eleveranno scontro"

(AGI) - Palermo, 25 set. - Ciriaco De Mita, ex presidente delConsiglio e attuale sindaco di Nusco, viene sentito oggi allaCorte di assise del processo sulla trattativa tra Stato e mafianell'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. "Sono statoeletto segretario della Dc nel 1982 e lascio l'incarico nel1988 poiche' presidente del Consiglio. Dopo, dall'89 al '94vengo nominato presidente del partito". Cosi' De Mitaricostruisce in sintesi la sua carriera politica rispondendoalle domande del pm Di Nino Di Matteo."Falcone, il 15 marzo del 1992, mi disse: preparatevi perche'la mafia, dopo la conferma delle condanne del maxi-processo,deve organizzarsi ed elevera' il livello di scontro con loStato". Lo ha detto Ciriaco De Mita, rispondendo alle domandedel sostituto Nino Di Matteo, al processo sulla trattativaStato-mafia. E ancora: "'Dovete prepararvi all'elevazione delloscontro tra la mafia e lo Stato', mi ribadi' Falcone. Glichiesi perche' queste cose non le scriveva. E lui aggiunse:'perche' queste cose per ora non passano'". De Mita sostieneche dopo l'omicidio Lima, Falcone chiese attraverso un comuneamico magistrato di incontrarlo, fatto che avvenne a Roma, il15 marzo del '92.

De Mita: per Falcone Lima non era mafioso