Shoah: Boschi a Marcia memoria, "e' scudo contro il male"

(AGI) - Roma, 17 ott. - "Senza memoria non c'e' cultura e nonc'e' civilta'. La memoria e' uno scudo contro il male e controil dolore, conoscere il passato significa capire meglio ilpresente e scongiurare rischi futuri di nuove tragedie". Lo hadetto il ministro delle Riforme costituzionali, Maria ElenaBoschi, intervenendo alla marcia organizzata per il 22mo annoconsecutivo dalla Comunita' di Sant'Egidio e dalla Comunita'ebraica della capitale per ricordare gli oltre mille ebreiromani che il 17 ottobre del '43 furono presi e deportati adAuschwitz. Una marcia silenziosa che si e' snodata da piazza

(AGI) - Roma, 17 ott. - "Senza memoria non c'e' cultura e nonc'e' civilta'. La memoria e' uno scudo contro il male e controil dolore, conoscere il passato significa capire meglio ilpresente e scongiurare rischi futuri di nuove tragedie". Lo hadetto il ministro delle Riforme costituzionali, Maria ElenaBoschi, intervenendo alla marcia organizzata per il 22mo annoconsecutivo dalla Comunita' di Sant'Egidio e dalla Comunita'ebraica della capitale per ricordare gli oltre mille ebreiromani che il 17 ottobre del '43 furono presi e deportati adAuschwitz. Una marcia silenziosa che si e' snodata da piazzaSanta Maria in Trastevere al Ghetto, ripercorrendo al contrarioil percorso fatto dai deportati. "Piu' di mille persone furonostrappate da queste strade - ha ricordato Boschi dal palcoallestito a pochi metri dalla sinagoga - anche perche' altriitaliani lo permisero con leggi vergognose ed ignobili come leleggi razziali. In quei giorni si e' rotto un argine diumanita', si e' scavato un abisso: dobbiamo impegnarci tutti aricostruire quell'argine perche' non e' detto che quantoavvenuto in passato non possa ripetersi. L'antisemitismo e ilrazzismo sono tornati a crescere e non dobbiamo abbassare laguardia". .