Sea Watch invitata a parlare in audizione alla Camera

L'Ong a cui fa capo la nave olandese comandata da Carola Rakete dovrebbe partecipare a un’audizione davanti alle commissioni Affari costituzionali e Giustizia nell’ambito dell’esame del decreto Sicurezza bis.

sea watch m5s camera
Alessandro Serranò / AGF
La Sea Watch 3 attracca a Lampedusa

Articolo rettificato e aggiornato alle ore 15,20 

Sea Watch è stata invitata a parlare alle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera mercoledì 3 luglio a Montecitorio nell’ambito dell’esame del decreto Sicurezza bis.

La Lega si è subito infuriata esprimendo tutto il proprio sdegno per l’iniziativa, attraverso una dichiarazione del sottosegretario all’Interno Nicola Molteni, che ha sottolineato: ”Da una parte il governo difende l'Italia, dall’altra vengono considerati interlocutori dei fuorilegge che speronano le navi della Guardia di Finanza”.

Pronta la replica dei grillini, per bocca di Giuseppe Brescia e Francesca Brusinarolo, presidenti delle due commissioni di Montecitorio: “Le richieste di audizione sono state effettuate entro martedì 25 giugno. Ricordiamo che nella scorsa legislatura il comitato Schengen ascoltò in audizione il presidente di Sea Eye e un senatore della Lega ebbe l’opportunità di fare domande e ricevere risposte”. Oggi Brescia torna sulla questione sottolineando che “nonostante alcune fantasiose ricostruzioni giornalistiche, la richiesta di audire Sea Watch in commissione Affari Costituzionali e Giustizia sul decreto sicurezza-bis è pervenuta dai gruppi Partito Democratico e Misto-+ Europa. Non c’è stato dunque nessun invito da parte del Movimento 5 Stelle, né le presidenze avrebbero potuto opporsi a una legittima richiesta delle opposizioni”

Per l’edizione cartacea de Il Messaggero si tratta più di una “provocazione”, come la definiscono anche i vertici della Lega. Il quotidiano romano dà voce alla reazione di Molteni: “Mentre il ministro Salvini, insieme al premier Conte e ai ministri Trenta e Toninelli sono impegnati a proteggere i confini e la legge, apprendiamo con sorpresa che la Sea Watch sarà audita in Commissione per discutere il Decreto legge sicurezza Bis. Da una parte il governo difende l’Italia, dall’altra vengono considerati interlocutori dei fuorilegge che speronano le navi della Guarda di finanza”.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it