Salvini vuole far piangere la Fornero e sfidare Renzi a Firenze. Il comizio in 6 tweet

Alla manifestazione della Lega Nord a Roma contro lo Ius Soli Matteo Salvini dal palco a Santi Apostoli ha parlato anche di molto altro

Salvini vuole far piangere la Fornero e sfidare Renzi a Firenze. Il comizio in 6 tweet

"Se il centrodestra vince sarà un'avventura che durerà almeno dieci anni, non qualche mese. Berlusconi sarà parte di questa splendida avventura". Così Matteo Salvini ha risposto alle domande dei giornalisti, a margine della manifestazione indetta dalla Lega contro lo Ius Soli che si è tenuta questa mattina a Roma. Alcune migliaia di persone hanno accompagnato Salvini, dove ha tenuto un comizio. "Gli italiani votano in base a quello che dicono Putin, Trump e i venusiani? Siamo alla follia. Le uniche fake news sono quelle che il centrosinistra sta rifilando agli italiani. Gli italiani votano con la loro testa", ha aggiunto il segretario federale della Lega tornando sul caso aperto dalle parole di Joe Biden.

"Il razzismo in Italia c'è, ma è a sinistra e ha la bandiera rossa. Dovrebbero vergognarsi di quel pugno chiuso che gronda sangue", ha rincarato Salvini dal palco della manifestazione in corso a Roma. "Ovunque si candiderà Renzi ci sarò anche io. Vita contro le bugie. Non vedo l'ora. Magari partendo dalla Toscana, dalla sua Firenze". 

"Condanniamo la violenza da qualunque parte venga. Ieri in piazza c'era il passato, c'erano le bandiere rosse, la falce e il martello, oggi invece qui c'è il futuro e ci sono i bambini. Io rispetto tutte le piazze ma preferisco il futuro". 

"I profughi sono quelli che scappano dalle guerre e noi non siamo l'arca di Noè".

"Non vedo l'ora di vincere per stracciare la legge Fornero e farla piangere un'altra volta. Piange una e ridono in milioni. Su questo chiedo al centrodestra accordi chiari".
Il segretario della Lega ha ribadito le sue critiche all'Ue: "O l'Italia sta in Europa con pari diritti o meglio stare soli. Io un'Italia da schiavi ai miei figli non la lascio. Chiederò agli alleati di andare a Bruxelles a rivendicare l'orgoglio nazionale".

Un ruolo da premier? "Se gli italiani lo vorranno, sarà una splendida realtà", ha aggiunto. 

"Avessero chiesto a noi un albero, lo avremmo portato dal Trentino. Se questo è il biglietto da visita dei 5 stelle, l'anno prossimo glielo regaliamo noi un abete. E se qualcuno non si offende, faremo anche il presepe". 

Infine sulla Rete:

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it