Roma, si dimette il mini direttorio

Lo annunciano sul blog i componenti del mini Direttorio Paola Taverna, Fabio Massimo Castaldo e Gianluca Perilli

Roma, si dimette il mini direttorio
 Grillo Raggi

Roma - Dopo il caos al Campidoglio dei giorni scorsi, il mini Direttorio nato per coadiuvare Virginia Raggi nella sua esperienza di sindaco di Roma si è dimesso. Lo annunciano sul blog i componenti del mini Direttorio Paola Taverna, Fabio Massimo Castaldo e Gianluca Perilli. Perché, spiegano, "oggi quella macchina amministrativa è partita ed è giusto che ora proceda spedita. Per questo, con lo stesso senso di responsabilità di allora, riteniamo che oggi il nostro compito non sia più necessario". Prima dell'estate, aveva già lasciato la deputata Roberta Lombardi

"Come portavoce e attivisti del Movimento 5 stelle - spiegano sul blog i 5 Stelle Taverna, Castaldo e Perilli - abbiamo accettato con senso di responsabilità ed entusiasmo il compito di supportare Virginia Raggi per coadiuvarla nelle scelte giuridicamente più complesse e delicate che il sindaco di una città come Roma si trova ad affrontare nei primi mesi del suo mandato. Sono stati mesi intensi e difficili: mesi nei quali il nostro apporto è stato di primaria importanza, in particolare, per l'individuazione della Giunta e per avviare la complessa macchina amministrativa. Mesi in cui non sono mancati neanche i dibattiti interni - ammettono - e le divergenze di opinione - come è giusto che sia in un movimento che ha fatto dell'orizzontalità e della democrazia diretta i suoi obiettivi e valori - ma sempre animate da uno spirito franco e costruttivo: non abbiamo mai omesso di esprimere con zelo e meticolosita' il nostro punto di vista".

"Oggi quella macchina amministrativa è partita ed è giusto che ora proceda spedita. Per questo, con lo stesso senso di responsabilità di allora, riteniamo che oggi il nostro compito non sia più necessario. Non faremo mai mancare all'amministrazione capitolina il nostro sostegno - assicurano - e il nostro contributo continuando a portare avanti il nostro lavoro nelle istituzioni in cui siamo stati eletti. I gravi problemi della Capitale, vessata da anni di malapolitica, continueranno ad avere per noi l'attenzione che meritano. Auguriamo al sindaco e alla sua squadra i migliori successi, nell'interesse della città e della cittadinanza tutta" concludono. (AGI)