Roma: Raggi "andiamo avanti, M5S cambierà città e Paese"

Parma, prosciolto Pizzarotti "ora vertici M5S chiariscano"

Roma: Raggi "andiamo avanti, M5S cambierà città e Paese"
 Virginia Raggi

Roma - "Il M5S non si ferma davanti alle difficoltà e agli attacchi quotidiani di chi ci teme. Andiamo avanti, con coraggio. Tutti insieme cambieremo Roma e il Paese". E' quanto scrive il sindaco di Roma, Virginia Raggi, in un lungo post su Facebook in cui elenca i provvedimenti assunti nei primi mesi di mandato.

Parma, prosciolto Pizzarotti "ora vertici M5S chiariscano"

"Abbiamo trovato una citta' piena di problemi ma pronta a cambiare. Sapevamo che non sarebbe stato semplice riavviare la macchina amministrativa e che avremmo incontrato numerose opposizioni. Ma siamo qui, con umilta' e determinazione, a portare avanti il nostro lavoro al servizio dei cittadini. Sono i nostri valori", continua Raggi, sottolineando che "abbiamo gia' iniziato. Per chi se li fosse persi, ecco alcuni dei cambiamenti diventati realta'". Segue un elenco delle cose fatte, e poi la conclusione. "Lo ripeto: e' solo l'inizio. Assessori, consiglieri, municipi e volontari, stiamo tutti lavorando senza sosta per il bene della citta'", assicura la prima cittadina, spiegando che questo e' possibile "grazie anche all'impegno di tutti i cittadini e dei lavoratori: dagli operatori dell'Ama agli autisti dell'Atac, dai dipendenti di Roma Capitale ai dipendenti di tutte le partecipate. Insieme cambiamo la città".

 

Olimpiadi e caos Roma, Raggi nel mirino ma Grillo la blinda

Intanto fonti del Campidoglio hanno riferito che ieri non c'è stata alcuna telefonata tra il sindaco e Beppe Grillo, smentendo le ricostruzioni di stampa. Negli articoli pubblicati oggi su alcuni quotidiani si sostiene che, dopo il post su Facebook di Roberta Lombardi che invitava il sindaco a rendere pubblici i pareri dell'Anac su Raffaele Marra e Salvatore Romeo, Raggi avrebbe parlato con Grillo e Davide Casaleggio: avrebbe chiesto loro un immediato post di sostegno sul blog di Grillo minacciando, in caso contrario, di essere pronta a lasciare l'incarico.(AGI)