Riforme: Boschi, incomprensibile scelta FI non votarle

(AGI) - Roma - Il ministro Maria Elena Boschi ha presoa sorpresa la parola in Aula al Senato per rivolgere dei"ringraziamenti  

(AGI) - Roma, 13 ott. - Il ministro Maria Elena Boschi ha presoa sorpresa la parola in Aula al Senato per rivolgere dei"ringraziamenti assolutamente sinceri". Ma e' soprattutto aifunzionari, assistenti e lavoratori e lavoratrici dei ministerie della presidenza del Consiglio che si rivolge il ministro,difendendoli dagli attacchi ricevuti in queste settimane. "In primo luogo voglio ringraziare i sottosegretari chehanno lavorato insieme a me, Pizzetti, Scalfarotto e SesaAmici, e voglio ringraziare per la determinazione la presidenteFinocchiaro e tutti i gruppi di maggioranza - prosegue Boschicitando i capigruppo delle forze che sostengono il governo - ei senatori, e' stato fatto un lavoro impegnativo di mesi cheoggi ha in se' un passaggio fondamentale anche se nondefinitivo". Poi, Boschi ringrazia "quei gruppi che pur nonfacendo parte della maggioranza appoggiano le riforme". Eancora, il ministro ringrazia l'istituzione Senato, "a partiredalla presidenza fino ai segretari d'Aula e funzionari. Infine,un ringraziamento va ai consiglieri e collaboratori delministero e della presidenza del Consiglio, attaccattiingiustamente, ma sono professionisti seri che non meritanoattacchi politici", ha concluso Boschi. "Semplicemente una bellissima giornata. Per noi ma soprattuttoper l'Italia. Grazie a chi ci ha sempre creduto. E' proprio#lavoltabuona". Lo scrive su twitter il ministro Maria ElenaBoschi, dopo il via libera del Senato al ddl riforme."La maggioranza e' stata molto solida e compatta. Dispiacequando un pezzo delle opposizioni lascia l'aula sul votofinale, ma e' difficile capirne le ragioni quando Forza Italiaha votato quelle stesse riforme un anno fa". Lo ha detto ilministro Maria Elena Boschi al Tg1. Il ddl che riforma la Costituzione "ha il mio nome, ma e' statascritta da deputati e senatori: disegna una Italia piu'semplice, meno poteri alle regioni, meno soldi ai partiti,nessun consigliere regionale potra' guadagnare piu' del sindacodel comune capoluogo". Lo ha detto il ministro delle Riforme,Maria Elena Boschi, al Tg1. "Non abbiamo paura del referendum perche' credo che gliitaliani sapranno scegliere tra una Italia piu' semplice e chie' ancorato al passato", ha aggiunto. "Il presidente Giorgio Napolitano non ha fatto mai mancareil suo sostegno alle riforme, trovo singolare che alcunisenatori che hanno votato Napolitano, oggi lo contestino". Loha detto il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi,intervistata dal Tg1. (AGI).