Per Renzi votare a ottobre è folle: "Condannerebbe il Paese alla recessione"

Per l'ex presidente del consiglio "serve un Governo Istituzionale che pensi al Paese e non ai destini dei singoli partiti"

renzi voto ottobre
Alessandro Serrano / AGF 
Matteo Renzi

"La stella polare delle persone serie è il rispetto delle istituzioni e il bene degli italiani. Non gli interessi dei partiti o dei presunti leader. Andare a votare a ottobre con l'effetto di aumentare l'Iva al 25% è folle". Lo scrive su Facebook Mattero Renzi, senatore del partito democraticl. "Non possono essere le famiglie a pagare le ambizioni di qualche aspirante leader. E non possiamo condannare l'Italia alla recessione", aggiunge.

Per l'ex presidente del consiglio "serve un Governo Istituzionale che pensi al Paese e non ai destini dei singoli partiti. Un Governo Istituzionale che come prima cosa abbia un Ministro dell'Interno degno di questo nome. E un Governo che pensi a fare il bene degli italiani, non a litigare tutti i giorni. Sono uomini delle Istituzioni coloro che mettono da parte i propri risentimenti personali e pensano a come evitare la crisi economica. Poi torneremo a discutere, litigare, dividerci. Ma prima viene l'Italia, poi vengono gli interessi dei singoli partiti. Ci hanno buttato addosso odio e fango: noi non replichiamo allo stesso modo, ma rispondiamo pensando al bene comune e ai risparmi delle famiglie", conclude. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.