Renzi, su banche accordo in Ue a portata di mano

Renzi, su banche accordo in Ue a portata di mano
Matteo Renzi (Afp)  

Roma - Un accordo con l'Europa sulle banche "compatibile con le regole attuali è alla portata di mano". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, a CorriereTv.

"Vogliamo che i risparmiatori e i correntisti italiani siano al sicuro". Ha detto ancora, "a mio giudizio - ha spiegato il premier - il problema banche in Europa non riguarda quelle italiane. La questione del credito in Europa riguarda molti istituti. Sono molto più preoccupato dei derivati delle banche degli altri Paesi" ed "è questo il vero problema". Renzi ha spiegato inoltre che "in Italia abbiamo una situazione particolare rispetto agli altri" paesi. "Forse bisognava fare un intervento sulle banche" alcuni anni fa, come fece "Merkel che ha messo 247 miliardi nelle banche tedesche, pensando che fosse una buona occasione per il sistema economico del suo paese".

Quanto alla politica interna e alle riforme, "Ragionevolmente il referendum costituzionale si svolgerà a ottobre", se invece "escludiamo il 30 ottobre perché c'è il ponte, a naso si potrebbe fare il 6 novembre".

"Sono trent'anni che si dice che dobbiamo fare le riforme per superare il bicameralismo paritario, unici in Europa. Abbiamo un sistema in cui per evitare i problemi il governo è costretto a mettere la fiducia e utilizzare la decretazione d'urgenza. Questa riforma supera questi problemi", ha spiegato il premier. (AGI)