Renzi inaugura il Ponte elettrico, "Sud può ripartire"

Il premier a Scilla per l'opera-record di Terna tra Sicilia e Calabria, priorità a infrastrutture 

Renzi inaugura il Ponte elettrico, "Sud può ripartire"
Matteo Renzi inaugurazione elettrodotto Sorgente Rizziconi 

Reggio Calabria - "Stiamo investendo nel Mezzogiorno" con priorità alle infrastrutture: è l'impegno ribadito dal premier, Matteo Renzi, che a Scilla ha inaugurato il nuovo elettrodotto Sorgente Rizziconi, il "ponte elettrico" da record che unirà Sicilia e Calabria collegandole al resto della Penisola e quindi all’Europa attraverso il sistema elettrico italiano ad alta tensione."Quando si conclude la Salerno-Reggio Calabria e si dà un segnale di recupero per le strade in Sicilia saremo pronti ad affrontare il tema del ponte sullo Stretto o, come dice Delrio, la Napoli-Palermo dell'Alta Velocità", a promesso il presidente del Consiglio. "Questo governo - ha aggiunto il premier rivolgendosi agli amministratori locali presenti - crede che il Mezzogiorno possa e debba ripartire, questo è il motivo per cui vi faremo stalking, saremo col fiato sul vostro collo". 

Con l’entrata in esercizio della “Sorgente-Rizziconi” Terna elimina l’ultimo “collo di bottiglia” esistente a livello zonale, creando le condizioni per annullare il differenziale di prezzo presente tra la Sicilia e il resto del Paese: l’Italia è ora tutta connessa dal punto di vista elettrico, con una linea ad alta tensione che collega la Sicilia alla Valle d’Aosta, senza soluzione di continuità. L’opera consentirà inoltre di utilizzare meglio la produzione rinnovabile siciliana, soprattutto eolico e fotovoltaico, per oltre 700 MW.

L’opera rappresenta un primato tutto italiano, è lunga complessivamente 105 km e utilizza il più lungo cavo sottomarino a corrente alternata a 380 kV al mondo – 38 km posati sul fondo del mare a una profondità massima di 376 metri. Essa consente di aumentare la capacità di trasporto dell’energia fino a 1.100 MW. Sul lato siciliano del collegamento, a Sorgente e Villafranca, così come in Calabria, a Scilla e Rizziconi, saranno in funzione quattro stazioni elettriche ad alta tecnologia che consentiranno il trasporto dell’energia in sicurezza. Nella stazione elettrica di Scilla è stata realizzata la struttura blindata più grande in Europa nel suo genere. Moderni tralicci monostelo a impatto ridotto sosterranno l’elettrodotto nel tratto aereo delle due Regioni, per una lunghezza complessiva di 60 km. (AGI)