Renzi: conta la politica, non tecnici con carte nel cassetto

(AGI) - Roma, 23 mar. - "Siamo un Paese in cui i ministricambiano di anno in anno, mentre i tecnici restano per sempre equesto fa si' che chi comanda sia il tecnico, anche perche' hale informazioni che restano chiuse nel cassetto". Cosi' ilpresidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervenendo alla Luissschool of government. "Ecco perche' - ha aggiunto - iorivendico la centralita'  della politica". E ancora. "Seaccetto la correlazione tra avviso di garanzia e dimissioni,parte il principio per cui i magistrati decidono sul potereesecutivo. Un politico deve sapersi dimettere secondo unprincipio

(AGI) - Roma, 23 mar. - "Siamo un Paese in cui i ministricambiano di anno in anno, mentre i tecnici restano per sempre equesto fa si' che chi comanda sia il tecnico, anche perche' hale informazioni che restano chiuse nel cassetto". Cosi' ilpresidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervenendo alla Luissschool of government. "Ecco perche' - ha aggiunto - iorivendico la centralita'  della politica". E ancora. "Seaccetto la correlazione tra avviso di garanzia e dimissioni,parte il principio per cui i magistrati decidono sul potereesecutivo. Un politico deve sapersi dimettere secondo unprincipio etico morale che lo porta a fare questa scelta", haaggiunto. "Quando dico che un sottosegretario indagato non sideve dimettere, e perdo voti per questo, difendo il principiodella divisione dei poteri di Montesquieu". (AGI)