Renzi, bene pil +0, 3% ma salto si fa se con l'edilizia (AGI)

(AGI) - Courmayeur (Aosta), 23 giu. - "Siamo contenti che ilPil sia tornato a crescere dopo 11 trimestri, che cresca dello+0,3%, ma e' poco rispetto a quello di cui abbiamo bisogno".Cosi' Matteo Renzi, dalla stazione intermedia della nuovafunivia del Monte Bianco, parlando con la stampa. "L'ediliziada sola vale piu' della meta' dei posti di lavoro persi ma ilsettore non e' ancora ripartito - ha aggiunto Renzi - vedremose facendo ripartire l'edilizia il pil fa il salto". "I dati diffusi oggi dall'Istat sono incoraggianti sugliordini, non ottimi sul fatturato. Vediamo che l'Italia riparte,

(AGI) - Courmayeur (Aosta), 23 giu. - "Siamo contenti che ilPil sia tornato a crescere dopo 11 trimestri, che cresca dello+0,3%, ma e' poco rispetto a quello di cui abbiamo bisogno".Cosi' Matteo Renzi, dalla stazione intermedia della nuovafunivia del Monte Bianco, parlando con la stampa. "L'ediliziada sola vale piu' della meta' dei posti di lavoro persi ma ilsettore non e' ancora ripartito - ha aggiunto Renzi - vedremose facendo ripartire l'edilizia il pil fa il salto". "I dati diffusi oggi dall'Istat sono incoraggianti sugliordini, non ottimi sul fatturato. Vediamo che l'Italia riparte,che ripartono i consumi anche se meno di quello che vorremmo",ha ha detto il premier. "Ripartono alcuni settori industriali,- ha aggiunto - ma c'e' un settore che non riesce a tirare comevorremmo che e' quello dell'edilizia". "In generale - ha spiegato renzi - il sistema pubblicoitaliano ha ancora molto, molto, molto da fare per semplificarele procedure. Giovedi' faremo una conferenza stampa a Roma perdimostrare che se sbloccassimo, e vogliamo farlo nelle prossimesettimane e mesi, i cantieri fermi semplicemente per ritardiintoppi, problemi e ricorsi, Tar contro Tar e compagnia bella,avremmo un punto percentuale di Pil in piu', piu' di 17miliardi di euro rimessi nell'economia". "C'e' bisogno - ha aggiunto - di una capacita' burocraticaed amministrativa molto piu' efficiente rispetto alpassato".(AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it