Rai: si' del Cdm alla riforma. Renzi, "sara' libera dai partiti"

(AGI) - Roma, 27 mar. - Il Consiglio dei ministri ha dato ilsuo via libera al disegno di legge sulla Rai che contiene unadelega per la revisione del meccanismo del canone. Il tuttomentre la Consob sospende l'Opa di Ei Towers su Ray Way. L'attuale sistema di governance verra' sostituito da unconsiglio di amministrazione composto da sette membri, e nonpiu' dai nove attuali, di cui quattro scelti dal Parlamento,due dal Ministero dell'Economia, e uno dai dipendenti. Il governo, sempre per mezzo del Ministero dell'Economia,indichera' un amministratore delegato con pieni poteri. "Unamministratore delegato Rai,

(AGI) - Roma, 27 mar. - Il Consiglio dei ministri ha dato ilsuo via libera al disegno di legge sulla Rai che contiene unadelega per la revisione del meccanismo del canone. Il tuttomentre la Consob sospende l'Opa di Ei Towers su Ray Way. L'attuale sistema di governance verra' sostituito da unconsiglio di amministrazione composto da sette membri, e nonpiu' dai nove attuali, di cui quattro scelti dal Parlamento,due dal Ministero dell'Economia, e uno dai dipendenti. Il governo, sempre per mezzo del Ministero dell'Economia,indichera' un amministratore delegato con pieni poteri. "Unamministratore delegato Rai, scelto e definito, che riceve unmandato e se non riesce a portarlo a casa ne paga leconseguenze", lo ha descritto il presidente del consiglioMatteo Renzi in conferenza stampa. "Se la maggioranza politicaavesse voluto mettere le mani sulla Rai, sarebbe bastato starefermi, grazie alla Gasparri che le da' la possibilita' dinominare il consiglio di amministrazione", ha aggiunto ilpremier che, poi, ha anche escluso il ricorso alla decretazionedi urgenza: l'obiettivo rimane quello di approvare la riformain Parlamento entro giugno, quando dovra' essere rinnovato ilcda. "Non faremo il decreto, il Parlamento e' sovrano e c'e'tutto il tempo per legiferare. Da qui al mese di luglio: e' iltempo necessario per evitare che il rinnovo" del consiglio diamministrazione Rai, "si svolga con la procedura attuale. Sonoquattro mesi". A questo proposito, Renzi ha anche rivendicatoper l'esecutivo il record di "essere il governo che ha fattomeno ricorso ai decreti d'urgenza degli ultimi quattro" che sisono avvicendati a Palazzo Chigi e di voler "mantenere questorecord". Confessando di venire "da una cultura che vorrebbe ilsuperamento definitivo del canone", Renzi ha sottolineato ledifficolta' di arrivare a un simile obiettivo e assicurato cheil governo sta studiando" la strada migliore per sconfiggere"una evasione fiscale indecente". Sul canone "c'e' una delegaal governo che affrontera' la questione", ha confermato ilviceministro Antonello Giacomelli."Non so se sono della scuoladel presidente sul superamento del canone, ma partecipero'all'approfondimento del governo", ha concluso Giacomelli. (AGI)