Formula e numeri, Draghi al lavoro

Formula e numeri, Draghi al lavoro

Secondo giorno di consultazioni, mentre prende corpo il puzzle della nuova maggioranza

draghi governo consultazioni lavoro formula ministri

©
DANIEL ROLAND / AFP - Mario Draghi

AGI -  A questo punto, anche se si concluderà domani quello che è solo il primo giro delle consultazioni, le questioni aperte per il governo Draghi sembrano essere legate più ai bilanciamenti nella squadra che ai numeri della maggioranza. Numeri che la giornata di giovedì lascia già immaginare consistenti.

Il puzzle si va componendo e la chiave per la sua definizione ruota intorno a quei due aggettivi destinati a connotare l'esecutivo: politico o tecnico? Non sarà, si era già detto, un 'governo del Presidente', e l'apporto di ministri politici sarà determinante, a seconda dei punti di vista, per legare i soci della maggioranza a un patto tra loro e il presidente del Consiglio o rassicurare i partiti, posti davanti a una sorta di Quaresima dall'iniziativa messa in campo dal Colle per dare al Paese "risposte all'altezza della situazione" ormai non più rinviabili.

I segnali da M5s

E allora ecco, dopo il no iniziale, i sempre più consistenti segnali distensivi da M5s, corroborati anche dal 'discorso del tavolino' di Giuseppe Conte. Una mossa che sembra anche prefigurare una 'competition' per la leadership del Movimento, ma che intanto avvicina M5s al sì a Draghi, anche se Di Battista non smette di dire che il no è l'unica scelta 'politica' possibile per M5s.

La Lega possibilista

L'altra novità di spicco è arrivata dalla Lega che non chiude più la porta, ma attende comunque l'incontro con Draghi per definire la posizione in vista del voto di fiducia in Parlamento. "L'astensione è esclusa. O saremo a favore o voteremo contro", chiarisce Giancarlo Giorgetti. Non una tautologia, perchè era l'astensione il punto di massimo equilibrio in un centrodestra dalle posizioni differenziate e dove, a questo punto, solo FdI potrebbe trovarsi a presidiare la frontiera dell'opposizione, per quanto responsabile.

Il Totoministri

La squadra, dunque. Quel totoministri, insomma, dal quale non si può esimere neanche un governo dal profilo austero come quello dell'ex presidente Bce. Non solo una curiosità ma, come si diceva - e come sempre accade - una plastica rappresentazione del patto che salderà i soci di maggioranza. Non dovrebbero esserci vicepremier. I primi rumors sono per Cartabia alla Giustizia, Franco all'Economia, Malaschini ai Rapporti con il Parlamento, Giovannini al Lavoro. Potrebbero essere confermati Di Maio e Patuanelli, Boccia, Guerini e Speranza. Sempre tra le new entry potrebbero esserci Tajani e Rosato.

E Draghi? Con i suoi interlocutori parla di ciò che occorre fare "se dovesse nascere un governo", ma la partita si consolida di giorno in giorno. E a quel tavolo - dove il presidente incaricato che non ha profili social verbalizza da sè gli incontri con le delegazioni - ci saranno i 'player' delle grandi occasioni, come Berlusconi e Grillo. Per vedere se, e come, quel cauto - e diplomatico - periodo ipotetico passerà al presente indicativo.