La nazionalizzazione delle autostrade divide il governo. E Conte non si sbilancia

Salvini è favorevole ma il suo braccio destro Giorgetti no. Il presidente del Consiglio al Corriere propone di "trovare alternativa alle cattive privatizzazioni" e lancia un messaggio ai Benetton: "500 milioni non bastano"

La nazionalizzazione delle autostrade divide il governo. E Conte non si sbilancia

Questa volta la frattura nel governo non è, come avviene su molti temi, tra Lega e Movimento 5 Stelle ma al vertice di via Bellerio. Da una parte il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che - in sintonia con il titolare delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, preme per la nazionalizzazione‚Äč delle autostrade italiane dopo la tragedia del ponte Morandi. Dall'altra il suo braccio destro, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, che non è affatto convinto da tale scenario. 

Una divergenza sulla quale il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non si esprime per ora in maniera netta. Sul futuro delle autostrade italiane "valuteremo con attenzione la modalità migliore per soddisfare l'interesse pubblico. Va senz'altro trovata un'alternativa a cattive privatizzazioni e a un sistema concessorio mal realizzato", ha affermato il premier in un'intervista al Corriere della Sera in cui non si è sbilanciato sulla possibile nazionalizzazione della rete autostradale limitandosi a un accenno a una possibile "contromossa" per limitare i vantaggi economici per Autostrade per l'Italia. 

Per Conte 500 milioni non bastano

Sulla revoca della concessione al gruppo dei Benetton dopo il crollo del ponte Morandi a Genova, Conte ha ricordato che il governo ha "avviato una 'procedura di legge'" e "si muoverà sempre nei binari del diritto", anche se ha pronta una "contromossa". "Non la anticipo sui giornali, ma questo governo farà in modo che il concessionario non possa trarre ulteriori vantaggi economici, rispetto a quelli già esorbitanti sin qui ricavati dalla convenzione", ha spiegato il premier. "Faccio notare", ha aggiunto, "che il concessionario non ha neppure sostenuto l'investimento iniziale per costruire le autostrade, gliele ha date lo Stato".

Secondo Conte "la somma stanziata" da Atlantia per le vittime e la ricostruzione del ponte (500 milioni di euro) "è ben modesta rispetto agli utili conseguiti negli anni. Potrebbero intanto quadruplicarla o quintuplicarla. Rimane il dato che possiamo accettare queste somme solo quale parziale risarcimento, senza alcun pregiudizio per l'avviata procedura di caducazione della concessione", ha concluso, facendo sapere che è stato già messo a punto uno studio delle penali da richiedere ad Autostrade per l'Italia: "Questo dossier è nella mia borsa, sta viaggiando con me in questi giorni".

video

Ieri Salvini ai microfoni di Agorà aveva affermato che "studiando i bilanci di Autostrade", si era orientato "a favore di una sana compresenza tra pubblico e privato". "Nazionalizzare la società sarebbe conveniente perché ricavi e margini tornerebbero in capo dallo Stato attraverso i pedaggi, da utilizzare non per elargire dividendi agli azionisti, ma per rafforzare qualità dei servizi e sicurezza delle nostre strade", aveva dichiarato da parte sua Toninelli, sempre al Corriere.

Ma per Giorgetti vanno piuttosto "rivisti i margini di redditività delle concessioni". "Non sono molto persuaso che la gestione dello Stato garantisca maggiore efficienza", aveva affermato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, interpellato dai giornalisti a margine del meeting di Cl a Rimini, nel quale ha escluso una legge ad hoc sulla revoca della concessione, ipotesi quest'ultima accolta con consenso anche dall'ex ministro del'Infrastrutture, Graziano Delrio, anch'egli presente a Rimini.

Per Giorgetti è un dibattito "prematuro"

Giorgetti è poi tornato sul punto oggi, intervistato anch'egli dal Corriere. A sua detta "al momento" parlare di nazionalizzare o meno le autostrade italiane è "assolutamente prematuro" perché bisogna verificare l'esito della procedura di annullamento della concessione alla società Autostrade". "A quel punto", ha aggiunto, "si può decidere con qualche indicazione in più. O si può anche fare un'altra gara per vedere le condizioni che puoi spuntare". 

Quanto al dibattito sulla nazionalizzazione, per Giorgetti occorre "discutere seriamente di quel che vogliamo fare dei veri beni dello Stato" e del "modo in cui ciò che è oggetto di concessione possa restituire il massimo bene ai cittadini". Comunque, ha aggiunto, "non ci sono tabù": "L'autostrada del Brennero (A22) sarà gestita in house, in deroga alla norma europea. II punto è valutare bene, caso per caso". "Io sono cresciuto in un'era in cui si diceva che lo Stato non deve fare i panettoni", ha ricordato Giorgetti, "ed ero d'accordo: quei panettoni mi parevano anche meno buoni. Ma il punto è decidere per il meglio. II tutto Stato non è buono, ma neanche il tutto privato. Credo che valga per ogni bene dello Stato".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it