Migranti: Conte al premier ceco, non è la strada per l'inferno ma la via maestra della legalità

Migranti: Conte al premier ceco, non è la strada per l'inferno ma la via maestra della legalità
Foto: Riccardo De Luca / AGF 
  Giuseppe Conte

"Durante lo scorso fine settimana, anche attraverso l’apprezzata collaborazione di diversi Stati Membri, l’Italia ha potuto far fronte all’ennesima crisi migratoria mettendo in salvo 450 persone che verranno ora accolte in diversi Paesi europei. Lo abbiamo fatto salvando vite umane e con modalità rispettose dei diritti delle persone e in piena coerenza con le conclusioni che tutti insieme abbiamo adottato al Consiglio Europeo dello scorso giugno. Nel farlo non abbiamo affatto imboccato 'la strada verso l’inferno', ma abbiamo piuttosto scelto la strada maestra della legalità, della responsabilità condivisa della gestione del fenomeno migratorio, dell’azione concreta, focalizzata e di matrice autenticamente europea". Lo scrive il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una lettera aperta al premier ceco Babis che domenica scorsa aveva parlato di "strada verso l’inferno" con riferimento alla gestione italiana dei 450 migranti. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it