Mattarella, viaggio in Germania. "L'Europa deve cambiare passo"

(AGI) - Berlino  - "Ringrazio il Presidente Gauck perl'apprezzamento verso il mio Paese e verso l'impegnativoprocesso di riforme in corso". Sergio    [...]

Mattarella, viaggio in Germania. "L'Europa deve cambiare passo"

(AGI) - Berlino, 2 mar. - "Ringrazio il Presidente Gauck perl'apprezzamento verso il mio Paese e verso l'impegnativoprocesso di riforme in corso". Sergio Mattarella, che ha sceltoBerlino come prima tappa estera del suo settennato, ha espressocosi' la sua soddisfazione per le parole di elogio appenapronunciate dal suo omologo tedesco circa l'operato riformatoredel governo e del paese. "Qui in Germania siamo molto affascinati dalla velocita' edall'efficacia con cui il governo italiano procede sulla stradadelle riforme", aveva appena detto Gauck.

"Le relazioni fra Italia e Germania sono speciali, il tassodi amicizia e condivisione e' altissimo e credo possa essere unelemento che aiuta a rafforzare la spinta verso la crescitadell'integrazione europea", ha aggiunto Mattarella puntando siasul rapporto "speciale" fra Italia e Germania che sullanecessita' di rafforzamento dell'integrazione europea. Il Presidente della Repubblica, che domani incontrera' leistituzioni europee a Bruxelles, sottolinea che "la crisi hacreato difficolta' ma ha anche aiutato la crescita di strutturepiu' solide nell'Unione. Occorre fare di piu' per avere unmaggiore governo" comune delle istituzioni economiche emonetarie. "Le difficolta' in sede internazionale sono tante, mal'amicizia tra Italia e Germania aiuta l'integrazionedell'Unione Europea".

"Ringrazio per l'invito e per le parole di apprezzamento -ha proseguito Mattarella prima del colloquio con Gauck - sonolieto dell'amicizia tra i nostri Paesi testimoniata dalrapporto tra lei e Giorgio Napolitano. Mi auguro che lo stessorapporto collaborativo e frequente si crei tra noi e mi auguroche il formato del Forum possa stabilizzarsi".

Mattarella visita il Muro, Europa unita contro orrori storia

Sergio Mattarella dedica un momentodella sua visita a Berlino a raccogliersi davanti al Memorialedel Muro che ha diviso per anni la capitale tedesca e l'interaEuropa. Una divisione "innaturale" della citta' per fuggiredalla quale sono cadute tante persone. Ma ora "bisogna pensareal futuro, non dimenticare questi orrori, dobbiamo pensare aigiovani che hanno bisogno di un'Europa sempre piu' unita per unavvenire adeguato".

Il Capo dello Stato ha lasciato un brevemessaggio nel Memoriale del Muro nel quale ha voluto "rendereomaggio a quanti in questa citta' lacerata per troppi anni dalMuro sono caduti per riconquistare la propria liberta'. Ilricordo dell'innaturale divisione di Berlino e dell'Europa devecostituire un forte richiamo alla necessita' di continuare adare impulso all'integrazione europea". Di fronte al rischio che che si erigano novi muri, comehanno chiesto i giornalisti, Mattarella si e' augurato che "lalezione della storia sia cosi' forte da impedire orrorisimili".

(AGI) .