Mattarella: su Ustica troppe opacita' a livello internazionale

(AGI) - Roma, 27 giu. - Occorre arrivare ad una verita'"univoca" sulla tragedia di Ustica, anche rimuovendo le "troppeopacita'" a livello internazionale che ancora circondano ilcaso dell'aereo civile dell'Itavia precipitato nel Tirreno nel1980. A scriverlo il Presidente della Repubblica, SergioMattarella, in un messaggio inviato al Presidentedell'Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica,Daria Bonfietti. ""Nel trentacinquesimo anniversario della tragedia che hafortemente segnato la storia recente del nostro Paese desideroesprimere a lei, gentile Presidente, e all'intera Associazionela mia vicinanza, nel ricordo delle vittime. Rievocare Ustica non significa solo alimentare la memoria

(AGI) - Roma, 27 giu. - Occorre arrivare ad una verita'"univoca" sulla tragedia di Ustica, anche rimuovendo le "troppeopacita'" a livello internazionale che ancora circondano ilcaso dell'aereo civile dell'Itavia precipitato nel Tirreno nel1980. A scriverlo il Presidente della Repubblica, SergioMattarella, in un messaggio inviato al Presidentedell'Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica,Daria Bonfietti. ""Nel trentacinquesimo anniversario della tragedia che hafortemente segnato la storia recente del nostro Paese desideroesprimere a lei, gentile Presidente, e all'intera Associazionela mia vicinanza, nel ricordo delle vittime. Rievocare Ustica non significa solo alimentare la memoriadi coloro che sono stati strappati ingiustamente alla vita eagli affetti, ma riaffermare l'impegno di perseverare nellaricerca tenace di una verita' finalmente univoca sull'accaduto", scrive il Capo dello Stato, "Faccio mia lastringente domanda di giustizia che sale sia dalle famigliecosi' duramente segnate per la perdita dei loro cari sia dallacoscienza civile dell'intero Paese affinche', anche a livellointernazionale, venga doverosamente assicurato un contributoatto a rimuovere le troppe pagine di opacita' che continuano apesare sulla nostra vita democratica e che attendonorisposte".(AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it