Mattarella: il cibo e' un diritto, prevalga il dialogo

(AGI) - Milano, 16 ott. - "Il diritto al cibo e all'acquapossono essere raggiunti in tutti i continenti", l'importantee' che "la cooperazione prevalga sul conflitto e il dialogo sulfanatismo". E' il messaggio che il presidente della Repubblica,Sergio Mattarella, ha pronunciato in occasione della giornatamondiale dell'alimentazione, celebrata quest'anno all'Expo incoincidenza con il settantesimo anniversario dalla fondazionedella Fao. "Nutrire il pianeta - ha aggiunto il capo delloStato - e' una sfida epocale che abbiamo davanti ed e'inseparabile dalla parola pace". Al segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, e'stata consegnata la carta

(AGI) - Milano, 16 ott. - "Il diritto al cibo e all'acquapossono essere raggiunti in tutti i continenti", l'importantee' che "la cooperazione prevalga sul conflitto e il dialogo sulfanatismo". E' il messaggio che il presidente della Repubblica,Sergio Mattarella, ha pronunciato in occasione della giornatamondiale dell'alimentazione, celebrata quest'anno all'Expo incoincidenza con il settantesimo anniversario dalla fondazionedella Fao. "Nutrire il pianeta - ha aggiunto il capo delloStato - e' una sfida epocale che abbiamo davanti ed e'inseparabile dalla parola pace". Al segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, e'stata consegnata la carta di Milano, il manifesto per la lottaalla malnutrizione e allo spreco sul quale sono state raccolteoltre un milione di firme nei sei mesi dell'esposizioneuniversale dedicata al tema 'Nutrire il pianeta, energia per lavita'; un documento, ha detto Mattarella, "frutto di un lavorocomune che dovra' continuare nel tempo". Ban Ki-Moon, arrivatoa Milano dopo la giornata trascorsa a Roma e a Torino, si e'scagliato contro il "vergognoso" spreco delle risorsealimentari e ha sottolineato l'intenzione di "rafforzarel'impegno contro la fame nel mondo intero", una "sfida" portataavanti insieme alla Fao e al suo direttore generale, GrazianoDa Silva, presente alla cerimonia. L'azione della Fao, ha denunciato pero' Papa Francesco inun messaggio indirizzato a Da Silva, e' vanificata oggi dalla"affannosa ricerca del profitto, la concentrazione su interessiparticolari e gli effetti di politiche ingiuste". SecondoBergoglio, la sicurezza alimentare "appare ancora come unobiettivo lontano per molti" e "a due terzi della popolazionemondiale manca una protezione sociale anche minima". Se l'obiettivo comune e' la 'fame zero' nel 2030, "soloun'azione corale puo' debellare la malnutrizione e la poverta'"ha detto Mattarella. Anche perche' questo significa anche dareuna risposta sulle migrazioni, tema cui il capo dello Stato nonha mancato di accennare. "Sulle coste italiane negli ultimimesi ci sono stati 300 mila migranti, lei stesso ha potutoconstatare il nostro impegno - ha detto rivolgendosi a BanKi-Moon - la portata di questi flussi ha scosso le coscienzeeuropee. Di certo si e' posta la drammatica esigenza dimigliorare le condizioni di vita nei Paesi di origine". Lagiornata all'Expo del presidente della Repubblica e delsegretario generale dell'Onu e' proseguita con lapartecipazione al convegno 'finance for food', dedicato agliinvestimenti nell'agricoltura. Finanziare le pmi agroalimentarie' la 'sfida' lanciata per il 2016 dal ministro dell'Economia,Pier Carlo Padoan: "Assicurare cibo sufficiente, nutriente eaccessibile a tutti", ha detto, e' un "obbligo morale" ma anche"una saggia scelta economica". (AGI).