Lega verso la scissione, in Veneto nuovo gruppo vicino a Tosi

(AGI) - Venezia  - Primo strappo interno alla Ligaveneta e Lega Nord sempre piu' vicina alla scissione. Dopol'ultimatum di lunedi' a  [...]

Lega verso la scissione, in Veneto nuovo gruppo vicino a Tosi
(AGI) - Venezia, 4 mar. - Primo strappo interno alla Ligaveneta e Lega Nord sempre piu' vicina alla scissione. Dopol'ultimatum di lunedi' a Flavio Tosi, cui il consiglio federaledel Carroccio ha dato tempo sette giorni per scegliere tra ilMovimento e la sua Fondazione, il primo segnale di pericoloarriva dal Consiglio regionale veneto. Stamane, non unconsigliere qualsiasi, ma addirittura il presidente della Ligaveneta, Luca Baggio, ha fondato e costituito un nuovo gruppoconsiliare. Insieme a lui, in 'Impegno veneto', un altroconsigliere eletto nella file del Carroccio, Matteo Toscani, eun ex Pdl, ora nel gruppo misto, Francesco Piccolo. Un segnaleeclatante che avviene alla vigilia della decisiva riunione deldirettivo veneto, convocato la settimana scorsa da Tosi perdomani sera alle 21, a Noventa padovana. Un segnale chepotrebbe portare alla costituzione di una lista separata ocontro Luca Zaia (magari con Tosi stesso candidato) dal momentoche la legge regionale esenta dall'obbligo di raccolta firme igruppi gia' presenti in Consiglio che vogliano correre allesuccessive elezioni. Mentre si attende che il sindaco di Veronasciolga la riserva - anche se e' maggioranza in via Belleriochi lo considera gia' fuori, soprattutto dopo l'incontro conAngelino Alfano di ieri - Matteo Salvini ha provato a gettareacqua sul fuoco, intervenendo in serata a 'Radio Padania'. "Miauguro che domani tutti facciano la loro parte, non abbiamobisogno di litigi", ha detto il segretario leghista, "ribadiscola mia stima per Tosi, non solo come sindaco, anche comedirigente politico. Mi auguro che nessuno abbia voglia dilitigare, rompere, polemizzare". Con l'avvicinarsi del voto regionale in Veneto per ognunosi pongono "questioni anche piu' intime" e quindi tutti iconsiglieri decideranno "cosa fare del proprio futuro", hasottolineato il presidente della Regione, Luca Zaia. "Io ho iveneti al mio fianco quindi vado avanti nella mia direzione poiin democrazia ognuno fa quello che vuole - ha concluso Zaia -penso che i veneti sappiano bene dove sta la qualita' el'impegno che in tutti questi anni abbiamo profuso". (AGI).