Lavoro: Governo chiede accelerazione, no delle opposizioni

(AGI) - Roma, 13 nov. - Il governo, come preannunciato, chiedeun'accelerazione sul voto finale di Montecitorio sulla delegalavoro, con l'accordo della maggioranza. Ma le opposizioni,tutte unite, insorgono. E' quanto avviene nella lungaConferenza dei capigruppo della Camera. Inizialmente il governo, con il ministro Maria ElenaBoschi, ha chiesto che il voto finale sul Jobs act ci fossegia' il 22 novembre, ma le proteste, anche accese - si raccontadi un duuro botta e risposta tra Boschi e il capogruppo FIBrunetta - delle opposizioni hanno fatto si' che sara' l'Aula adecidere, non essendoci stata l'unanimita'

(AGI) - Roma, 13 nov. - Il governo, come preannunciato, chiedeun'accelerazione sul voto finale di Montecitorio sulla delegalavoro, con l'accordo della maggioranza. Ma le opposizioni,tutte unite, insorgono. E' quanto avviene nella lungaConferenza dei capigruppo della Camera. Inizialmente il governo, con il ministro Maria ElenaBoschi, ha chiesto che il voto finale sul Jobs act ci fossegia' il 22 novembre, ma le proteste, anche accese - si raccontadi un duuro botta e risposta tra Boschi e il capogruppo FIBrunetta - delle opposizioni hanno fatto si' che sara' l'Aula adecidere, non essendoci stata l'unanimita' in Capigruppo. (AGI)