Lavoro: Fassina, saro' anche gufo, ma 2015 sara' peggio del 2014

(AGI) - Roma - "Verro' identificato ancora una voltacome gufo, ma avremo un 2015 di stagnazione e di aumento didisoccupazione, con  [...]

(AGI) - Roma, 18 nov. - "Verro' identificato ancora una voltacome gufo, ma avremo un 2015 di stagnazione e di aumento didisoccupazione, con i lavoratori in condizioni peggiori dioggi". Cosi' il deputato del Pd, Stefano Fassina, ospite neglistudi di Radio Citta' Futura, ha ribadito i suoi dubbi sul JobsAct. "Mi sembra che finora sia stata un'operazionesostanzialmente propagandistica. Io rimango fermo alleposizioni che avevo quando abbiamo votato in direzione, vistoche non c'e' un euro destinato ai milioni di precari e aidisoccupati e si va ad indebolire ancora di piu' il poterecontrattuale dei lavoratori. Facendo cosi', la recessione nonfinira'". Per quanto riguarda l'Europa, Fassina ha espresso le suepreoccupazioni, commentando le parole di ieri di Draghi:"L'Europa si sta muovendo male, non si vede la luce in fondo altunnel, siamo di fronte al fallimento della politica economicadell'Eurozona. La situazione e' sempre piu' grave e iprovvedimenti del governo italiani sono totalmente inadeguati.Sicuramente non aiuta la credibilita' delle istituzioni europeeil fatto che Juncker sia stato capo di un governo e ministrodelle finanze di un paese che ha fatto dell'evasione fiscale lasua leva di competitivita' a livello internazionale. Juncker haun deficit di credibilita' molto ampio e dovra' metterci tuttoil suo impegno per recuperare. Siamo in un quadro diinsostenibilita' dell'euro, andando avanti cosi', andremo asbattere". Una riflessione anche sul patto del Nazareno rivisto eaggiornato: "Sicuramente ci sono stati dei passi avanti nelladirezione che alcuni di noi avevano proposto mesi fa, ma cisono altri punti che vanno assolutamente modificati - ha dettoFassina - Continuare a negare ai cittadini la possibilita' discegliere tutti gli eletti e' grave. Con i capilista bloccati,avremo un Parlamento fatto di nominati, con la possibilita',per chi vince, di nominarsi i suoi deputati e di avere lamaggioranza per l'elezione di organi di garanzia come ilPresidente della Repubblica o la Corte Costituzionale. E' unraggiro degli elettori".(AGI).