Landini, governo cancella diritti Politica non e' proprieta'

(AGI) - Roma, 14 mar. - "Siamo di fronte a una novita'assoluta: non e' mai successo prima che il governo cancellassedei diritti senza un confronto con le associazioni sindacali,ne' con le persone interessate". Lo ha detto il leader dallaFiom, Maurizio Landini, al termine della riunione per definirei contorni di una "coalizione sociale" che coinvolgarappresentati sindacali e del mondo delle associazioni. Ilriferimento e' al jobs act che ha sancito "l'abolizione dellostatuto dei lavoratori". "Non ci fermiamo", ha aggiuntoLandini, "vogliamo unire tutto cio' che il governo stadividendo, tutti quelli che hanno bisogno

(AGI) - Roma, 14 mar. - "Siamo di fronte a una novita'assoluta: non e' mai successo prima che il governo cancellassedei diritti senza un confronto con le associazioni sindacali,ne' con le persone interessate". Lo ha detto il leader dallaFiom, Maurizio Landini, al termine della riunione per definirei contorni di una "coalizione sociale" che coinvolgarappresentati sindacali e del mondo delle associazioni. Ilriferimento e' al jobs act che ha sancito "l'abolizione dellostatuto dei lavoratori". "Non ci fermiamo", ha aggiuntoLandini, "vogliamo unire tutto cio' che il governo stadividendo, tutti quelli che hanno bisogno di vivere perlavorare"."La politica non e' proprieta' privata". E' quanto si legge inuna lettera inviata dal leader della Fiom, Maurizio Landini, asindacalisti rappresentanti di "associazioni, reti, movimenti epersonalita'" per invitarli all'incontro a corso Trieste a Romanella sede Fiom. Un appuntamento, a porte chiuse, per lanciarela "coalizione sociale" di cui da tempo si parla. "C'e' bisogno di un rinnovamento del sindacato per evitarnela cancellazione", ha detto Landini al termine della riunionecon le associazioni. Landini ha sottolineato che "e' in atto unprocesso di cancellazione delle sigle sindacali". (AGI).