Immigrati: Renzi, soluzioni concrete e rapide. Basta paura

(AGI) - Roma, 20 giu. - Nella sua enwes il premier Matteo Renziparla della questione Immigrazione. "Tema difficile non soloper la delicatezza dell'argomento. Ma anche per le paure chesuscita. Occorre decisione, determinazione ma anche buon sensoe responsabilita', specie pensando che le regole europeesembrano scritte (Dublino II) contro gli interessi del nostroPaese che allora - incomprensibilmente - le appoggio'", dice ilpresidente del Consiglio. "Un problema di portata storica comele migrazioni nel Mediterraneo si risolve solo attraverso unastrategia di lungo respiro: cooperazione internazionale,accordi con Paesi africani, pace in Libia, lotta contro gli

(AGI) - Roma, 20 giu. - Nella sua enwes il premier Matteo Renziparla della questione Immigrazione. "Tema difficile non soloper la delicatezza dell'argomento. Ma anche per le paure chesuscita. Occorre decisione, determinazione ma anche buon sensoe responsabilita', specie pensando che le regole europeesembrano scritte (Dublino II) contro gli interessi del nostroPaese che allora - incomprensibilmente - le appoggio'", dice ilpresidente del Consiglio. "Un problema di portata storica comele migrazioni nel Mediterraneo si risolve solo attraverso unastrategia di lungo respiro: cooperazione internazionale,accordi con Paesi africani, pace in Libia, lotta contro gliscafisti/schiavisti, procedure diverse per l'asilo politico,solidarieta' europea sia a livello economico che diaccoglienza", sottolinea il Capo dell'esecutivo. "Occorronosoluzioni concrete ancora piu' rapide, ma serve anche unascommessa culturale che porti l'Europa ad abbandonare la pauraper tornare a scegliere il coraggio", e' il pensiero delpremier. "I numeri - scrive Renzi nella sua enews - sono glistessi dello scorso anno (58.660 contro 58.200 del 2014).L'enfasi politica e comunicativa no. Non riguarda solol'Italia, sia chiaro. Dalle recenti elezioni danesi finoall'ipotesi di costruzione di un muro tra Serbia e Ungheria,proprio nel cuore dell'Europa, che doveva essere la patria dichi i muri li abbatte: in tutto il continente la discussionesull'immigrazione e' accesa. Occorrono soluzioni concreteancora piu' rapide, ma serve anche una scommessa culturale cheporti l'Europa ad abbandonare la paura per tornare a scegliereil coraggio". "Che - aggiunge Renzi - non vuol dire accoglieretutti ma significa riconoscersi in regole chiare e condivise darispettare insieme. Tutti insieme: perche' e' impossibilepensare di lasciare solo un Paese. Nel frattempo ogni volta cheun italiano salva una vita sono sempre piu' orgoglioso diessere alla guida di un Paese che sta scrivendo una pagina dicivilta' in mezzo a tanta demagogia. Ma che non puo' fare tuttoda solo. Ne parleremo al consiglio europeo di venerdi' 26 eanche all'Expo domani durante un incontro con Francois Hollandeaperto al contributo di alcuni pensatori e uomini di cultura",conclude il presidente del Consiglio. (AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it