Immigrati: Radio Padania ripropone sfotto' "Sbarcare Informati"

(AGI) - Roma, 18 giu. - Radio Padania rilancia (lo aveva gia'proposto lo scorso anno uno spot sempre made in Carroccio) "ilservizio 'Sbarcare informati' che oltre alle informazionidedicate ai clandestini che intendono raggiungere illegalmentele coste italiane, assicura consigli anche agli scafisti".L'iniziativa, che una nota precisa essere "evidentementeprovocatoria", e' partita oggi e in 9 appuntamenti giornalieri"sara' un servizio attivo fino alla sospensione della politicamigratoria scelta dal governo Renzi". "La nostra provocazione -spiega Alessandro Morelli, direttore dell'emittente della LegaNord - va dritta verso quei buonisti che fanno finta di nonsapere che

(AGI) - Roma, 18 giu. - Radio Padania rilancia (lo aveva gia'proposto lo scorso anno uno spot sempre made in Carroccio) "ilservizio 'Sbarcare informati' che oltre alle informazionidedicate ai clandestini che intendono raggiungere illegalmentele coste italiane, assicura consigli anche agli scafisti".L'iniziativa, che una nota precisa essere "evidentementeprovocatoria", e' partita oggi e in 9 appuntamenti giornalieri"sara' un servizio attivo fino alla sospensione della politicamigratoria scelta dal governo Renzi". "La nostra provocazione -spiega Alessandro Morelli, direttore dell'emittente della LegaNord - va dritta verso quei buonisti che fanno finta di nonsapere che il mercato di uomini in atto nel Mediterraneo nelpeggiore dei casi arricchisce le mafie ma e' comunque unbusiness sul quale associazioni, enti e cooperative lucranopesantemente. Interrompere l'invasione non e' piu' un'opzionema una necessita' per la stragrande maggioranza degliascoltatori anche non leghisti, dunque Radio Padania vuoleessere pungente - dice ancora Morelli - e rappresentare leistanze di chise la prende con le anime belle che pare vivanouna realta' da telenovela veicolata dalla grande informazioneche si e' allineata alle direttive del Governo Renzi/Alfanodimenticandosi delle emergenze dei cittadini italiani". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it