Immigrati: pronta bozza vertice Ue Renzi vedra' Cameron e Hollande

(AGI) - Roma, 13 giu. - L'emergenza immigrazione sara' alcentro dei colloqui della prossima settimana di Renzi conCameron e Hollande. A quanto si apprende da fonti di governo,infatti, il presidente del Consiglio incontrera' sia il suoomologo inglese che il presidente francese. Entrambi gliappuntamenti a Milano, in ambito Expo: il primo mercoledi'prossimo 17 giugno, il secondo domenica 21 giugno. Tra i temial centro dei colloqui, oltre a quelli relativi all'Expo, laquestione immigrazione e il punto sulla situazione europea. Lestesse fonti di governo parlano di una convocazione delleregioni a Palazzo Chigi, alla

(AGI) - Roma, 13 giu. - L'emergenza immigrazione sara' alcentro dei colloqui della prossima settimana di Renzi conCameron e Hollande. A quanto si apprende da fonti di governo,infatti, il presidente del Consiglio incontrera' sia il suoomologo inglese che il presidente francese. Entrambi gliappuntamenti a Milano, in ambito Expo: il primo mercoledi'prossimo 17 giugno, il secondo domenica 21 giugno. Tra i temial centro dei colloqui, oltre a quelli relativi all'Expo, laquestione immigrazione e il punto sulla situazione europea. Lestesse fonti di governo parlano di una convocazione delleregioni a Palazzo Chigi, alla presenza del premier, allavigilia del Consiglio europeo di Bruxelles. La decisione dellaFrancia di bloccare l'entrata degli immigrati nel Paese stacreando una situazione difficilissima al confine con l'Italia.Diverse decine di migranti, infatti, sono da due giorniaccampati alla frontiera franco-italiana a Ventimiglia, inattesa di attraversare il confine; e stamane hanno ripreso ilsit-in a qualche decina di metri dalla frontiera francese,minacciando seppur pacificamente di bloccare il traffico. Sonoin gran parte etiopi, sudanesi, anche siriani e voglionoentrare in Francia. Ma di fronte a loro i gendarmi francesibloccano l'accesso in Francia: uno di loro ha riferitoall'agenzia France-Presse di aver ricevuto la consegna di nonlasciarli entrare; un consegna del resto confermata venerdi'dalla prefettura delle Alpi Marittime. Il sit-in e' ripreso stamane alle 8. Su un enorme cartelloc'e' scritto in inglese: 'We need to pass', dobbiamo poterpassare; su un altro "We need freedom", abbiamo bisogno diliberta'. Secondo un giornalista di France 2 sul posto, alcunedecine di loro stamane hanno cominciato uno sciopero dellafame e rifiutano il cibo. Qualcuno ha raccontato di esserriuscito a entrare in Francia, ma che alla stazione di Mentonee' stato riportato indietro in Italia. Secondo una fonte della Croce Rossa, rimasto sul posto finoa tarda notte, i migranti nella notte hanno dovuto cercarerifugio a causa dei temporali: "Hanno dormito sotto i ponti,nelle gallerie tra la frontiera e il centro citta'. Poi stamanesono tornati". A Ventimiglia sono state allestite strutture all'ariaaperta per fornire il primo soccorso sanitario: docce e serviziigienici. Organizzazioni umanitarie distribuiscono cibo eacqua, ma gli uomini (non le donne e i bambini) stamane l'hannorifiutato. Negli ultimi sette giorni, ha detto venerdi' il prefettoAdolphe Colrat, nelle Alpi Marittime e' stato fermato un numerorecord di migranti, 1.439, dei quali 1.097 sono stati rispeditiin Italia. Secondo il prefetto, la pressione migratoria allafrontiera franco-italiana conosce da qualche giorno un piccosuperiore alle settimane record del 2014. xxx Immigrati: bozza vertice Ue, rimpatri piu' eficaci ma restanodo quote =L'Europa "ha bisogno di un approccio equilibrato egeograficamente completo" alla questione dell'immigrazione"basato sulla solidarieta' e la responsabilita'": si apre conqueste parole il capitolo sull'immigrazione, secondo la primabozza delle conclusioni Consiglio europeo in programma per il25 e 26 giugno. Il punto chiave su cui i capi di Stato e di governointendono mettere l'accento in quella occasione e' un maggioreimpegno sui rimpatri di coloro che non hanno diritto allaprotezione internazionale: "Politiche efficaci di rientro perquelli che non sono qualificati per la protezione sono unaparte essenziale della lotta all'immigrazione irregolare eaiuteranno a scoraggiare le persone dal mettere a rischio leproprie vite", si legge nella bozza. Come fanno notare fontieuropee, la prima bozza e' ancora "monca" per quanto riguardatutta la parte piu' controversa dell'agenda Uesull'immigrazione: il paragrafo intitolato"Relocation/Resettlement", ovvero redistribuzione ereinsediamento, e' lasciato in bianco, in attesa delladiscussione di martedi' prossimo fra i ministri degli Esteridei 28. Secondo le ultime indicazioni, infatti, una dozzina dipaesi sarebbe pronta a contrastare la proposta dellaCommissione sull'obbligo per i paesi di accogliere una parte di40 mila migranti approdati dal 15 aprile scorso in Grecia eItalia e il cui diritto all'asilo e' stato verificato. Ladiscussione su questo punto, ammettono le fonti, e' ancora inalto mare. Sul tema dei rimpatri c'e' invece la volonta' comunedi accettare le proposte contenute in una lettera che ilcommissario Dimitris Avramopoulos ha gia' mandato ai 28. Nellabozza di conclusioni del vertice e' scritto che "tutti glistrumenti dovranno essere mobilitati per promuovere lariammissione dei migranti economici irregolari verso i paesi diorigine e transito". In particolare, "la commissioneassicurera' che gli impegni di rimpatrio dell'accordo diCotonou sono attuati efficacemente al piu' presto; i negoziatiin corso sugli accordi di rimpatrio saranno accelerati e nuovinegoziati lanciati con i paesi terzi piu' rilevanti:l'assistenza Ue sara' ulteriormente diretta all'attuazionedegli accordi di rimpatrio, sulla base del principio 'more formore' (l'Ue sviluppa alleanze piu' forti con i paesi che fannopiu' progressi in un certo settore, ndr)". .