Tutte le gaffe di Delrio (a microfoni accesi)

Tutte le gaffe di Delrio (a microfoni accesi)
Graziano Delrio (imagoeconomica) 

Il fuorionda sulle mancate telefonate di Matteo Renzi per evitare la scissione dell'ala sinistra del Pd non è la prima gaffe nella quale incappa Graziano Delrio. Il ministro dei Trasporti negli ultimi anni ha collezionato diversi scivoloni, colti da microfoni aperti.

  • 17 febbraio 2017: Delrio, e Michele Meta, presidente della Commissione Trasporti della Camera, si ritrovano a un forum sul trasporto pubblico della capitale. Parlando del rischio scissione, Delrio si lamenta, riferendosi a Matteo Renzi: "Non ha fatto neanche una telefonata, su. Come cazzo fai in una situazione del genere a non fare neanche una telefonata?".

  • 30 novembre 2016: Graziano Delrio e il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, si presentano alla conferenza stampa per la rifunzionalizzazione dell'ex ospedale militare di Catanzaro, nuova sede dei locali uffici giudiziari, e scherzano sull'assenza di domande da parte dei giornalisti. "Facciamo come in Svizzera - dice Delrio - lì non fanno domande alle conferenze stampa, è tutto molto tranquillo". E Orlando replica sorridendo: "Quando sono notizie positive anche qui ne fanno poche...".

‚Äč

 

  • 25 ottobre 2016: Graziano Delrio partecipa insieme al presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, all'assemblea annuale della Confederazione Italiana Armatori a Roma. I due parlano del referendum costituzionale del 4 dicembre e l'atteggiamento dei governatori del Sud. Boccia sottolinea, "qua c'avete tutti i governatori contro, da Emiliano a Crocetta. Fanno un capolavoro, lavorano per la concorrenza". Interviene Delrio che su Rosario Crocetta afferma: "Non ce la fa a esprimersi per il no. Non si esprimerà per il sì ma starà coperto fino all'ultimo". Quanto all'ex premier Mario Monti e il suo endorsement a favore del 'no', Delrio commenta, "Una roba, proprio...".

Delrio, se vince il No si apre fase di instabilità

 

  • 23 ottobre 2014: Graziano Delrio, all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio, si presenta ai giornalisti con Sergio Chiamparino, presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, per riferire dell'incontro Governo-Regioni sulla legge di Stabilità. "Comincio io, poi vai avanti tu. Non me ne frega un c...” le sue parole.