Caso Wong, Conte: "Inaccettabili le dichiarazioni dell'ambasciatore cinese"

Il riferimento è alle critiche di Pechino nei confronti di alcuni parlamentari italiani che hanno ospitato in videoconferenza l'attivista di Hong Kong

hong kong conte wong ambasciatore cinese
Foto: Riccardo De Luca / AGF 
  Giuseppe Conte

L'iniziativa di alcuni parlamentari italiani, che hanno tenuto una videoconferenza in Senato con lo studente e attivistà di Hong Kong Joshua Wong, va "rispettata". "Poi, se ci sia una suscettibilità...". È duro il commento del premier Giuseppe Conte: "Ho visto le dichiarazioni dell'ambasciatore cinese, e francamente non le possiamo accettare nel modo in cui sono state formulate".

Conte ha parlato a Candela, in provincia di Foggia, con i giornalisti che gli chiedevano del tweet con cui l'ambasciatore di Pechino in Italia aveva giudicato "irresponsabili" i politici italiani che hanno fatto la videoconferenza.  

Le parole del Premier arrivano dopo le dichiarazioni della Farnesina, arrivate nella giornata di venerdì, che avevano contestato le posizioni prese dal portavoce dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese a Roma. Posizioni definite "del tutto inaccettabili e totalmente irrispettose della sovranità del Parlamento italiano", in riferimento all'attacco della rappresentanza diplomatica ai parlamentari che hanno partecipato giovedi, al Senato, a una conferenza stampa su quanto accade a Hong Kong. 

Il Ministero degli Esteri aveva inoltre espresso all’Ambasciatore cinese "forte disappunto per quella che è considerata una indebita ingerenza nella dialettica politica e parlamentare italiana".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it