Grillo contro Napolitano, "dov'era mentre l'Italia affondava?""

(AGI) - Roma  - Sguardo dritto all'obiettivo, maglianera su sfondo bianco a voler richiamare un'atmosfera da fotosegnaletica, un cartello tenuto dritto    [...]

Grillo contro Napolitano, "dov'era mentre l'Italia affondava?""

(AGI) - Roma, 11 dic. - Sguardo dritto all'obiettivo, maglianera su sfondo bianco a voler richiamare un'atmosfera da fotosegnaletica, un cartello tenuto dritto con le due mani: "Sonoun eversore". Beppe Grillo riattacca la lite con GiorgioNapolitano il quale, ieri, non lo aveva citato per nomenell'evocare un pericolo eversivo da parte di chi cavalcal'antipolitica. Grillo, invece, il nome del Presidente dellaRepubblica lo cita espressamente. "Mi viene spontanea unadomanda a Napolitano: ma mentre la Repubblica affondava nelfango, lei dov'era? Su Marte?". Ieri il Capo dello Stato ha dato inizio ad un vero eproprio giro di commiato dalle istituzioni in vistadell'abbandono del Quirinale, iniziando con l'Accademia deiLincei. Oggi il comico gli rinfaccia di essere stato per lomeno distratto, in questi anni al Colle, mentre l'Italiaaffondava. Quanto a se stesso, Grillo si lancia in un polemico comingout. "Lo confesso, sono un eversore, mi faccio schifo,Napolitano ha ragione. Pago le tasse, non rubo, denuncio ilmalaffare, non mi faccio i cavoli (versione edulcorata, Ndr)miei e nessuno ha ancora cercato di comprarmi", ammettesarcastico, "Sono un problema e me ne rendo conto. L'onesta' danoi e' fuori moda e una persona onesta con la sua sola presenzada' imbarazzo ai ladri che ormai sono la maggioranza". E cosi'facendo, riprende tutti temi e i toni che paiono meno graditial Presidente della Repubblica. I fatti di cronaca sono percepiti, da parte del M5S, comeun'occasione di rilancio delle tematiche piu' care almovimento. Certo pero' rilanciano anche la Lega. Ecco allora ilsecondo fronte che vede interessato Grillo, questa volta dasoggetto passivo. Oggi infatti e Matteo Salvini ad attaccarlo."Come faccio a collaborare con uno che passa il tempo ainsultare e ha l'incubo della Lega?", si chiede perplesso illeader del Carroccio. Perplessita' che si estendono anche agli argomenti cheimpegnano l'ordine del giorno dei lavori parlamentari. Comequando dice: "Non me ne puo' fregare niente" della leggeelettorale e il "Mattarellum lo userei in un altro modo". Manon specifica quale. Altrimenti potrebbe scaderenell'antipolitica. (AGI).