Giustizia: da settembre spese a carico ministero, le nuove regole

(AGI) - Roma - Le spese obbligatorie necessarie per ilfunzionamento degli uffici giudiziari, a partire dal primosettembre prossimo, dovranno essere sostenute  

(AGI) - Roma, 4 lug. - Le spese obbligatorie necessarie per ilfunzionamento degli uffici giudiziari, a partire dal primosettembre prossimo, dovranno essere sostenute - come previstodalla legge di Stabilita' - dal ministero della Giustizia e nonpiu' dai Comuni. E' quindi stato superato il sistema, in vigoredal 1941, che poneva a carico dei Comuni l'onere di anticiparele predette spese, che poi erano rimborsate dal ministero.Questa radicale innovazione ha comportato la necessita' che ildicastero di via Arenula si doti di un apparato organizzativoidoneo a svolgere attivita' sinora espletate dagli enti locali.A livello centrale, dunque, le competenze connesse alfunzionamento degli uffici giudiziari sono state attribuitealla Direzione generale delle risorse materiali e delletecnologie. A livello periferico, si e' invece previstal'istituzione di una commissione permanente, competente per gliuffici giudiziari aventi sede nello stesso circondario epresieduta dal presidente della corte di appello o dalpresidente del tribunale, quando il tribunale non e' sede dicapoluogo di distretto. La conferenza permanente ha il compitodi individuare i fabbisogni necessari per il funzionamentodegli uffici, quali manutenzione di immobili, riscaldamento,climatizzazione, utenze, pulizia e disinfestazione, raccolta esmaltimento dei rifiuti, giardinaggio, facchinaggio, traslochi,vigilanza e custodia. Per quanto riguarda la sicurezza, e'previsto che in caso di urgenza provvede il procuratoregenerale. (AGI).